Recensione: Banishers: Ghosts of New Eden non è divertente

Don't Nod è noto per i suoi giochi basati sulla trama come Life is Strange. Il ruolo principale è riservato alla storia e ai momenti scelti. Con Banishers: Ghosts of New Eden, il team sta optando per un approccio diverso, un gioco di ruolo in stile God of War, pur mantenendo la storia profonda e le scelte dei giocatori. Basta con le ambizioni, che purtroppo non sono state pienamente realizzate.

Il gioco è ambientato in una linea temporale alternativa nel XVII secolo, dove la magia è reale e i fantasmi infestano regolarmente i vivi. Ecco perché si aggirano i cosiddetti “esuli”, una sorta di incrocio tra un Witcher e un Acchiappafantasmi, la cui missione è spezzare il legame involontario tra i fantasmi che si sono lasciati alle spalle e le persone viventi.

All'inizio di Banishers, controlli Antea Duarte, una Banisher professionista, aiutata dal suo apprendista e amante Red mac Raith. Soprattutto nel XVII secolo, scegliere una donna di colore come protagonista è una scelta interessante, e inizialmente bisogna fare i conti con i necessari pregiudizi. In questo modo lo studente viene costantemente indirizzato come se fosse lui a prendere la decisione. Ma questo non durò a lungo. Antea e Red devono sconfiggere il cosiddetto “Incubo” che maledice l'insediamento di New Eden. Questo incubo si rivelò così potente che Antea non sopravvisse allo scontro. Da quel momento in poi, controllerai Red (un ragazzo bianco con una barba alla moda e uno chignon da uomo).

La svolta è che Antea è ora collegata al colore rosso come spirito. Nel mondo di Banishers: New Eden, questo è piuttosto scomodo, perché la missione dei Banishers è mandare le anime che rimangono nell'aldilà. Spetta ora al giocatore scegliere: tenterà di far rivivere Antea attraverso un rituale, o sceglierà di rimanere fedele alla sua arte e di mandarla nell'aldilà alla fine della storia? Puoi considerarlo in dettaglio durante il tuo viaggio attraverso il paesaggio che circonda New Eden, mentre ritorni sul luogo del disastro dopo molti vagabondaggi. Perché solo sul corpo di Antea si potrà compiere il rito prescelto (riportarlo in vita o mandarlo in paradiso).

Scelte, scelte…

È una configurazione interessante, soprattutto perché devi fare alcune scelte morali prima del rituale finale. Come esorcista, devi aiutare molti residenti della zona che sono tormentati dai fantasmi. Con ogni caso raccogli informazioni esattamente su ciò che sta accadendo. Per fare questo, devi parlare con i personaggi, ricercare luoghi e leggere lettere e diari. Una volta che conosci i dettagli esatti (ad esempio, che il fantasma è una vittima di omicidio e sai chi è l'autore), affronta la persona che il fantasma sta tormentando. Dovrai quindi scegliere se vuoi esorcizzare lo spirito maligno o uccidere la persona colpita. Per far rivivere Antea alla fine della storia, devi uccidere più persone di quante ne esorcizzi i fantasmi.

READ  La NASA prevede di svolgere la missione Artemis I con un razzo Space Launch System a febbraio - IT Pro - Notizie

L'unione tra Red mac Raith e Antea Duarte ti consente di controllare entrambi i personaggi, passare dall'uno all'altro in qualsiasi momento e utilizzare le loro abilità uniche a seconda della situazione. Mentre esplori il mondo, puoi usare Antea in una sorta di “modalità detective” per vedere oggetti nascosti, ma puoi anche usare i suoi poteri fantasma per far saltare in aria alcuni ostacoli. Il rosso ha una pistola e una spada e può distruggere alcuni oggetti che impediscono ad Antea di apparire.

Lista della lavanderia

Quanto sopra sembra una solida base per un'avventura d'azione, ma sfortunatamente l'esecuzione è molto meno divertente. C'è un elenco molto lungo di fastidi minori e maggiori che diventano più fastidiosi man mano che il gioco di 25 ore avanza. E non si tratta solo di difetti tecnici, come lunghi tempi di caricamento dopo la morte o molti secondi di attesa quando si vuole vedere la mappa o l'elenco dei personaggi.

Per cominciare, il gioco è incredibilmente lineare. Il simbolo dorato sulla bussola mostra sempre dove vuoi andare e, semplicemente seguendolo, completi l'attività da svolgere senza cercare o pensare. Hai sempre la sensazione che i realizzatori vogliano davvero che tu segua questa strada. Ci sono moltissimi momenti in cui la Storia non ti permette di intraprendere un certo percorso, anche se è un percorso che puoi intraprendere in seguito senza problemi. Anche lo sviluppo del tuo personaggio è diretto in modo così stretto che non senti alcun impatto su di esso.

Puoi lavorare presso qualsiasi falò per migliorare il tuo equipaggiamento (vestiti, armi, gioielli), purché tu abbia i materiali necessari. Raccogliere materiali significa catturare tutto ciò che luccica. Ma il gioco limita quanto puoi aggiornare, perché alcuni materiali semplicemente non possono essere trovati nel mondo di gioco finché non ti trovi in ​​un'altra area indesiderata. Lui lei Sembra Quindi puoi modellare la tua personalità, ma non puoi davvero.

Lo stesso vale per Albero tecnologico, che si espande con ogni capitolo del gioco, offrendo quindi solo un numero limitato di opzioni. Il colpo finale è che le scelte che fai qui non influenzano il gameplay.

fluire

Gli effetti più importanti dell'equipaggiamento e delle abilità selezionati possono essere trovati nelle battaglie. Vieni regolarmente attaccato dai fantasmi e devi combatterli con Red e Antea. Passare rapidamente da uno all'altro fa parte del puzzle. Rosso può fendere con la spada e sparare con la pistola, mentre Antea può volare velocemente verso il nemico, dargli un pugno o colpirlo Zona di impattoSi può usare l'esplosione. Passare dall'uno all'altro produce anche combo utili, poiché quando Antea prende a pugni un fantasma, la pistola di Red si ricarica immediatamente. Solitamente l'operazione richiede alcuni secondi. Il flusso del combattimento è veloce e divertente, poiché puoi cambiare, sparare, lanciare pugni o usare alcuni incantesimi senza problemi.

READ  Techland offre a tutti con Dying Light un aggiornamento gratuito alla Enhanced Edition - Giochi - Novità

Tuttavia, tutto ciò sarebbe migliore se ci fossero più di quattro tipi di nemici o se i nemici usassero tattiche più interessanti. Gli incontri diventano presto frequenti: i fantasmi verdi proteggono i fantasmi bianchi, quindi devi prima sbarazzarti dei fantasmi verdi. I fantasmi bianchi si muovono verso i cadaveri che possono afferrare, quindi devi fermarli o affrontare gli zombi difficili da sconfiggere. A volte ci sono fantasmi rossi leggermente più grandi, che devi eliminare con la tua arma evitando i suoi attacchi. Una battaglia contro un boss qua e là aggiunge qualche variazione, ma non molto. È molto deludente, perché le battaglie stesse hanno chiaramente molto più potenziale di quanto il gioco lasci intendere.

Vuoto

Un assaggio di questo potenziale può essere visto durante le escursioni, in gran parte facoltative, in “The Void”, un mondo spirituale che conferisce al gioco un tocco più spirituale. Non puoi salvare qui e se muori verrai espulso dal mondo degli spiriti e tutti gli incontri verranno ripristinati. Anche qui la difficoltà aumenta e le battaglie forniscono il sudore necessario. Ma quest’area presenta anche la sua parte di problemi, come layout confusi e la mancanza di qualsiasi variazione nel design. Anche le battaglie contro i boss opzionali nel mondo “normale” forniscono una sfida aggiuntiva, ma anche qui i nemici vengono riciclati.

Un'altra strana opzione: nei panni di Rosso, otterrai gradualmente l'accesso a rituali speciali, per i quali avrai bisogno anche di determinati materiali. Puoi eseguire questi rituali in luoghi specifici del mondo, ad esempio per avviare uno scontro con un boss o per vedere un'eco del passato. Per ragioni che non sono chiare, tu come giocatore devi sempre decidere quale rituale vuoi fare, quando solo un rituale fa effettivamente qualcosa. Se scegli il rituale sbagliato, non accadrà nulla. Non è chiaro il motivo per cui devi fare una scelta ardua quando c'è una sola risposta possibile. Sembra che qui avrebbe dovuto esserci un sistema più profondo, che per qualche motivo è stato ridotto a un menu aggiuntivo senza senso.

Enigmi fastidiosi

Deludenti sono anche gli “enigmi” che diventano rapidamente ripetitivi. Pensa alle porte che sono bloccate dall'interno, quindi devi trovare un angolo dall'esterno per rimuovere il blocco. L'enigma più fastidioso è quello introdotto a metà del gioco, in cui devi eliminare gli ostacoli dai rami spessi. Devi lanciare un incantesimo alla radice, dopodiché nell'area appaiono una serie di piccole sfere rosse luminose e devi spararle tutte prima che scompaiano. In effetti, proprio come le rune di God of War, ma più fastidiose perché questi enigmi spesso fermano la progressione della trama e non è divertente correre avanti e indietro velocemente mentre la tua pistola si ricarica molto lentamente e sei preciso in mezzo secondo. Esattamente nei posti giusti.

READ  La roccia spaziale ha cambiato il suo corso

Poi ci sono le storie di fantasmi in cui tu, come Esiliatore, devi scoprire cosa sta succedendo. Capirlo non richiede alcuna intuizione da parte del giocatore. Si tratta letteralmente di camminare e fare clic da un'icona all'altra e, una volta compilati tutti gli elementi nella schermata panoramica, puoi passare all'ultima persona che si affronterà.

Molto infelice

Anche le storie che scopri in questo modo non sono molto interessanti: un uomo che tradisce, una donna che crede che i deboli debbano morire, il fantasma di qualcuno che è stato condannato ingiustamente… Sono storie del tutto standard (anche se sono ben recitate). ) che non sono mai stati raccontati. Prendi vita davvero. Inoltre non aiuta il fatto che l'atmosfera del mondo di gioco e tutte le storie siano molto serie e deprimenti. Non c'è umorismo per penetrare tutto. Ti muovi lungo sentieri ben segnalati attraverso una zona paludosa e grigia per parlare con persone molto infelici. Gli scrittori sembrano confondere gli aspetti frustranti con la profondità.

Infine, è anche difficile costruire un rapporto forte con i due personaggi principali. Anthea e Red si amano, come si suol dire, ma fin dall'inizio sembra esserci una sorta di distanza tale da non avvertire mai una scintilla tra i due. Purtroppo quella scintilla è mancata anche a noi mentre giocavamo.

Banishers: Ghosts of New Eden uscirà il 13 febbraio su PlayStation 5, Series Abbiamo giocato alla versione PS5.

Nefiti: Fantasmi del Nuovo Eden

OK

Conclusione

Banishers: Ghosts of New Eden non sembra essere in grado di supportare le ambizioni dello sviluppatore. Il sistema di combattimento è divertente, ma sottoutilizzato. L'esplorazione del mondo di gioco è incredibilmente limitata e ti tiene molto attento. Inoltre ci sono degli inconvenienti tecnici, come tempi di caricamento lunghi. Graficamente va tutto bene, ma non è eccezionale. I personaggi sembrano carini in piedi, ma quando iniziano a parlare sembra che gli attori indossino spesse maschere di gomma e l'animazione è strana. Ma il problema più grande è che il gioco non offre nulla di nuovo. Tutto ciò che provi è stato visto prima e meglio. Ironicamente, questo gioco su un fantasma e un cacciatore di fantasmi è in qualche modo senz'anima.

Più punti negativi

Poca varietà di nemici

Gli aggiornamenti dei personaggi non fanno molto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24