Rimani vigile nel settore dei semiconduttori attraverso la cooperazione

L’industria dei semiconduttori è in crescita. È chiaro che la domanda di chip, e quindi di prodotti e servizi lungo tutta la filiera industriale, non ha precedenti. A causa della crescente informatica della società, aumenterà la domanda di chip sempre migliori. I semiconduttori sono essenziali per l’economia. I Paesi Bassi, e soprattutto Brainport, così come il blocco intorno a Nijmegen, sono chiaramente in testa.

parte del DNA

I Paesi Bassi sono sempre stati bravi a realizzare macchine complesse per la produzione di trucioli. Questo non solo perché ASML, il più grande fornitore mondiale di macchinari per l’industria dei semiconduttori, è originariamente olandese. “Pensa anche a BESI e ai piccoli partiti di cui il grande pubblico non sa di meno, ma che producono bellissime apparecchiature”, afferma Roger Verberek, direttore del mercato per l’industria dei semiconduttori e della tecnologia quantistica presso TNO. “La costruzione di macchine complesse, per così dire, fa parte del nostro DNA. A volte si dice che faccia parte della nostra cultura aperta, dove l’uomo con il cacciavite osa dire al suo capo che le cose devono essere fatte diversamente per ottenere un risultato migliore.”

© TNO. Apparecchiature per semiconduttori

Ma dobbiamo restare vigili. “Il fatto che siamo campioni del mondo in ingegneria meccanica è dovuto al fatto che continuiamo a innovare e lo stiamo facendo sempre più velocemente. Abbiamo un’eccellente catena del valore”, afferma Verberek, 44 anni. I Paesi Bassi hanno buone università tecniche che mantengono venire con idee nuove e creative. TNO sa e altre istituzioni di conoscenza come trasformare le idee in nuovi concetti di macchina. Aziende come ASML hanno le conoscenze e le competenze per portare il prodotto sul mercato. “Questo è un settore di alto valore con una barriera significativa all’ingresso. Mantenere una posizione di leadership sul mercato è fondamentale. Se anneghi, sarà molto difficile riconquistare la tua posizione”.

READ  Rimozione dei club di Serie A dalle competizioni quando partecipano alla Super League | proprio adesso

posizione di dipendenza

Oltre al motivo economico, c’è anche un importante fattore geopolitico per restare al primo posto. Poiché la parte del leone dei chip è prodotta in Corea del Sud (inclusa Samsung) e Taiwan (TSMC), la situazione di dipendenza con questi paesi è molto alta. La diretta conseguenza di ciò può essere vista, tra le altre cose, nell’attuale carenza di chip nell’industria automobilistica. E la geopolitica non ha nulla a che fare con questo.

Secondo Verberek, se la Cina aumenta la pressione politica su Taiwan, riducendo le forniture all’Europa, le conseguenze sono incalcolabili. “La dipendenza dai paesi produttori di chip sarebbe molto minore se potessimo fare qualcosa al riguardo”. L’equilibrio è: noi produciamo macchine e una serie di chip speciali (specializzati), costruisci grandi volumi e chip moderni.

TNO ha evidenziato due sfide nel contesto della Settimana della tecnologia olandese. Gli argomenti sono il controllo dell’inquinamento e le scale. L’obiettivo della giornata è rafforzare la cooperazione all’interno della catena del valore

In ogni caso, la crisi del Corona e la spinta che la pandemia ha fornito con la forza per digitalizzare la società, ha scosso il settore. Ci siamo resi conto che c’è una grande dipendenza dai fornitori. Fairberg: “Le sensibilità nella catena di mercato hanno portato le parti a pensare e porre domande come ‘non dobbiamo solo fare affidamento sul momento giusto, ma anche accumulare uno stock più grande? o “Non dovremmo iniziare la produzione più da vicino?” Alcuni acquirenti stanno considerando di avere un secondo fornitore a portata di mano nel caso in cui il primo non possa consegnare”.

READ  I media internazionali mettono Lewis Hamilton all'avanguardia: "Schumacher e Senna non hanno commesso tali errori"

Oltre alle sfide geopolitiche e logistiche, l’industria dei semiconduttori deve affrontare anche molti altri problemi. TNO ha identificato due di queste sfide e ha organizzato una giornata attorno ad esse per gli operatori del mercato nell’ambito della Dutch Technology Week. Gli argomenti di martedì 1 giugno sono Controllo e misurazione dell’inquinamento. L’obiettivo della giornata era rafforzare la cooperazione all’interno della catena del valore.

anti-inquinamento

Il controllo dell’inquinamento significa che le macchine per trucioli devono essere il più pulite possibile per funzionare alla massima produzione e prevenire gli sprechi. Per inquinamento si intende l’inquinamento da particolato, come le impronte digitali, e l’inquinamento da particolato, come polvere e ghiaia. La macchina per trucioli è molto sensibile allo sporco. Solo una contaminazione minima può causare il malfunzionamento della macchina o non riuscire a fornire chip utilizzabili

“TNO ha collaborato con ASML e Carl Zeiss per sviluppare l’ultima macchina per l’ultravioletto estremo (EUV). Questa macchina è molto pulita all’interno. È più pulita lì che nella sala operatoria della terapia intensiva”. durante Giornata dell’innovazione TNO Semicon Cinque oratori hanno dimostrato le ultime idee in questo campo. Uno di loro era il CEO di FastMicro, un’azienda che ha sviluppato apparecchiature di misurazione basate sulla nuova tecnologia di rilevamento di TNO. Sono rappresentati anche BESI e ASML.

metrologia

questo pomeriggio Giornata dell’innovazione TNO Semicon Riguarda la misurazione e il rilevamento di piccole strutture. “Questa è attualmente una grande sfida nel settore. Le macchine EUV di ASML stanno digitando le strutture più piccole, fino a 5 nanometri. In un certo senso, queste macchine sono molto innovative, perché le macchine di vagliatura non possono più tenere il passo”, afferma Verberke. Questo di per sé è un enorme complimento per l’industria olandese dei semiconduttori.

READ  Servizio sveglia 22/04: Van Dissel aggiorna la sala • Vertice virtuale sul clima per i leader mondiali

“Oggi ti abbiamo mostrato le ultime statistiche di TNO e come puoi rivelarle in un modo diverso e nuovo.” Tra i relatori c’era Barry Peet, CEO del Chip Integration Technology Center (CITC), che si concentra sul backend del processo di produzione dei chip. Raymond Rosmalin ha anche fornito una spiegazione per la nuova generazione di bilance Nexperia. L’azienda è sia un produttore di macchine che di chip, offrendo ai partecipanti un’opportunità ideale per esaminare entrambi i lati del settore.

Clicca qui per questo un programma TNO Semicon Innovation Day il 1° giugno

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24