Schouten arriva ad Orange da una strada privata: “I grandi club sono completamente ciechi” | Attualmente

L’ADO Den Haag non aveva più bisogno di lui, Telstar inizialmente non voleva dargli un contratto, e con l’Excelsior retrocesso dall’Eredivisie. Ma ora Jerdi Schuten (25) è da tre stagioni titolare del Bologna e potrebbe debuttare venerdì sera con la nazionale olandese contro il Belgio. “È sempre lo stesso ragazzo di Excelsior.”

Tre anni fa, Emile Schelvis ha partecipato a una discussione con Martin van Geel, che era ancora il direttore tecnico del Feyenoord. “Riguardava Jerry Schouten”, afferma il commentatore e presentatore di Rotterdam su Ziggo Sport. “Ho detto che il Feyenoord doveva prenderlo. Un buon calciatore cresciuto vicino a Rotterdam. Ma poi Van Geel non ha ascoltato”.

Van Geel non era l’unico a cui non piaceva Schouten. Il centrocampista è andato alle giovanili dell’ADO Den Haag ed è arrivato nella squadra principale quando aveva 20 anni, ma dopo due sostituzioni in Eredivisie, il suo contratto non è stato prolungato. Schüten ha preso il treno per Leeuwarden e ha fatto un viaggio di prova allo Jung SC Kampur, ma non gli è stato nemmeno permesso di rimanere lì.

Alla fine, solo Telstar lo voleva. Almeno su base amatoriale. Ma dopo alcune partite seguì un contratto e un anno dopo si passò all’Excelsior. “L’ho seguito tutto l’anno all’Excelsior. Stupito”, continua Shelvis. “Era davvero bravo in quel momento. Non è quello che pensavo: sarebbe arrivato all’Orange. Ma contro il Feyenoord ha appena giocato Tony Vilhena”.

Jerdy Schouten nel 2017 per conto dell’ADO Den Haag contro l’Ajax.


Jerdy Schouten nel 2017 per conto dell'ADO Den Haag contro l'Ajax.

Jerdy Schouten nel 2017 per conto dell’ADO Den Haag contro l’Ajax.

immagine: scatti professionali

“Odia le cose costose”

Adrie Poldervaart, l’allenatore dell’Excelsior in quella stagione, ricorda ancora i primi allenamenti di Schouten op Woudestein. “Tutto è stato misurato”, dice Boldervart, “abbiamo seguito ciò che il giocatore ha presentato in allenamento e Gerdi spesso indossava il rosso”. “Questo potrebbe significare due cose. O non poteva sopportare il peso. O si stava allenando in modo follemente duro. Be’, era la seconda.”

READ  Feyenoord-allenatore Arne Slot: 'Situatie bij Ajax heeft geen invloed op team' | Voetbal

Anche Bouldervart non doveva motivarlo. “Era intrinsecamente motivato. Sempre un’energia e sempre desideroso di trarne il massimo. Finora ha avuto successo. Per anni”.

Siamo ormai a tre anni di distanza. Schouten è atterrato con l’Excelsior, ma ha comunque ricevuto un’offerta dall’ingegnere medio italiano Bologna. E fermati lì. In effetti, la scorsa stagione Scotten è stato il terzo miglior tiratore in Serie A per numero, come ha notato Louis van Gaal. Una settimana fa, durante il lungo viaggio in auto da Bologna al suo paese natale, Hellevoetslaus, il tecnico della nazionale ha chiamato Schüten per dire che doveva informare l’Orange. Le vacanze con la sua ragazza sono state riprogrammate a Curaçao. Divenne gusto, provocando un grido di gioia da parte di Scotten.

“E’ orgoglioso. E giustamente”, dice Bouldervaert, che sarà l’allenatore del de Graafschap la prossima stagione. I due mantengono ancora contatti regolari. “Anch’io vivo a Hellevoetsluis. Domenica sono andato a fare una passeggiata con Jerdy e i cani, un giorno prima doveva presentarsi all’Orange. Ma non me ne sono accorto molto. Jerdy non ha il carisma delle star. È un odiatore di cose costose. Comportati normalmente e vai avanti. No Sempre lo stesso ragazzo in Excelsior.”

Jerdy Scotten con la maglia del Bologna.


Jerdy Scotten con la maglia del Bologna.

Jerdy Scotten con la maglia del Bologna.

immagine: scatti professionali

-“È più forte di Orsnes.”

Non è cambiato molto come calciatore. Schouten fa ancora la stessa cosa dell’anno all’Excelsior, ma a un livello molto più alto. “C’è ancora una particolare contraddizione in quel ragazzo”, dice a Ziggo Sport Schilves, che ha commentato diverse partite del Bologna per Ziggo Sport.

“Fuori dal campo Schouten è un ragazzo molto gentile e gentile. Ma in campo non mostra rispetto per nessuno. Sempre calmo sulla palla. E duro nei duelli. In Italia piace questo tipo di giocatore. È stato un colpo diretto. per Bologna. E penso che possa fare una mossa”. Uno verso il vertice italiano”.

READ  Sport Court: Will Besling parte attivamente in Portogallo | gli sport

Ci si chiede perché, dopo il suo anno all’Excelsior, nessun grande club olandese (filiale) abbia mostrato interesse per Schuten. “L’anno scorso, dopo il Bologna contro l’Inter, questa domanda è stata pubblicata letteralmente sui giornali italiani”, dice Shilves. “Come hanno potuto Feyenoord, Ajax ed Eindhoven ad aver trascurato Scotten? Questi club sono completamente ciechi, è stata la conclusione”.

Shelves pensa che “potrebbe anche essere dovuto in parte al personaggio di Scotten”. “Non il ragazzo che si accarezza il petto e grida: eccomi. Ma in realtà non è altro che Orsnes del Feyenoord. La lungimiranza tattica di Scotten è migliore. Ed è particolarmente difficile. Non per niente resiste al “Radar nei grandi club italiani. Soprattutto nel Napoli. Logicamente Scotten è migliore di Lobotka. E anche migliore di Diego Dim”.

Bouldervart: “Gerdi sa benissimo cosa può e cosa non può fare. Legge la partita, è a suo agio con la palla. Molto tranquillo. E lo ha capito dall’inizio a Bologna. Molto particolare, dopo che Excelsior è riuscito a tenere il passo con il partita subito con un livello di guida a medio raggio della Serie A italiana.

Jerdy Schouten (estrema destra) in allenamento per gli Orangemen giovedì al King Baudouin Stadium.


Jerdy Schouten (estrema destra) in allenamento per gli Orangemen giovedì al King Baudouin Stadium.

Jerdy Schouten (estrema destra) in allenamento per gli Orangemen giovedì al King Baudouin Stadium.

immagine: AP

Van Gaal può godere di due silenzi.

Il contratto di Schouten durerà altri due anni a Bologna, ma Schelves vorrebbe vederlo fare il prossimo passo in Italia quest’estate.

“Forse prima dovrebbe liberarsi un po’ della sua umiltà, senza essere violento contro se stesso. E non subito con la Juventus, ma Fiorentina o Atalanta sarebbero grandi squadre per Scotten. Passo medio. Può giocare molto lì ancora e migliorare in velocità della luce. Proprio come lui”. Con Orange. Van Gaal ama i giocatori con esperienza tattica. Chissà quando creare spazi grandi o piccoli. Chissà quando far avanzare il gioco. Beh, può divertirsi molto con Schouten”.

READ  KNVB sposta i finalisti: l'FC Utrecht va in tribunale | Qualificazioni Premier League

Bouldervart: “Con l’Orange è circondato da giocatori migliori, poi Gerdi giocherà meglio. Sarebbe bello fare il suo debutto in questo periodo internazionale. Ma se vedi da dove viene, è già fantastico che sia con Arancio. È stata una strada soprattutto. E non è ancora finita”.

Programma arancione della Società delle Nazioni a giugno

  • 3 giugno a Bruxelles: Belgio-Paesi Bassi
  • 8 giugno a Cardiff: Galles – Paesi Bassi
  • 11 giugno a Rotterdam: Paesi Bassi – Polonia
  • 14 giugno a Rotterdam: Olanda – Galles

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24