Seconda infezione da virus del vaiolo delle scimmie in Belgio; Primi casi individuati in Francia e Germania | all’estero

Secondo Van Ranst, il secondo paziente non è gravemente malato. La sua infezione è apparsa a causa della comparsa delle caratteristiche vesciche e protuberanze sulle mani.

Gli esperti di vari governi belgi si incontreranno venerdì a mezzogiorno per discutere l’approccio belga contro l’ulteriore diffusione del virus del vaiolo delle scimmie. Secondo l’Istituto di medicina tropicale, sulla base dei dati attuali, la possibilità che il virus si diffonda nella popolazione generale è piccola. “Come scienziati e medici, siamo in attesa e monitoriamo da vicino i progressi”. Secondo Joris Munins dell’Agenzia sanitaria, non è ancora necessario preoccuparsi della diffusione nella popolazione generale: “La malattia si trasmette solo attraverso il contatto stretto, quindi non attraverso i contatti incrociati”.

Nel vaiolo delle scimmie, il paziente presenta sintomi di influenza ed eruzioni cutanee sul viso e anche su altre parti del corpo. Dall’inizio di questo mese sono state segnalate decine di infezioni in vari paesi dell’Europa e del Nord America, tra cui Regno Unito, Spagna e Italia. Finora, le infezioni si sono verificate principalmente nell’Africa centrale e occidentale.

Il virus Monkeypox è stato trovato anche in Francia e Germania

In Francia è stato scoperto anche un caso di vaiolo delle scimmie. Le autorità sanitarie hanno riferito che il virus è stato diagnosticato a un uomo di 29 anni nella regione di Parigi. L’uomo non ha viaggiato nei paesi in cui si sta diffondendo il virus. Non è in gravi condizioni ed è in isolamento presso la sua abitazione.

La prima infezione da virus del vaiolo delle scimmie è stata identificata in Germania. L’Istituto tedesco di microbiologia ha scoperto il virus in una persona di Monaco. Il paziente aveva delle macchie sulla pelle caratteristiche della malattia.

READ  Ook gongens krijgen nu uitnodiging voor HPV-vaccinatie

Il ministro Ernst Kuipers (Sanità pubblica) ritiene che ci siano buone possibilità che il virus venga trasmesso anche nei Paesi Bassi. Secondo il ministro, l’istituto sta studiando la gravità del virus e se sia opportuno intervenire. Kuipers non ha l’impressione che causi seri problemi di salute, ma il RIVM può consigliare la vaccinazione.

Video: il virologo Ab Osterhaus spiega quanto sia pericoloso il virus del vaiolo delle scimmie. Il testo continua sotto il video.

virus

Provoca il virus del vaiolo delle scimmie. Appartiene alla stessa famiglia del vaiolo, che è stato ufficialmente debellato nel 1980. Anche i sintomi sono simili a quelli del vaiolo: febbre, mal di testa, dolori muscolari, brividi ed eruzioni cutanee. Vesciche piene di liquido chiaro o pus sulla pelle. Ad un certo punto, quelle vesciche si aprono e si formano delle croste. Ma il vaiolo delle scimmie è molto meno pericoloso del “vecchio” vaiolo, che ha ucciso il 30% dei pazienti. Nella stragrande maggioranza dei casi, il vaiolo delle scimmie scompare da solo entro poche settimane.

L’Inghilterra ora ha nove malati di vaiolo delle scimmie. Ci sono anche segnalazioni da altri paesi europei. Il Portogallo ha già segnalato 14 casi confermati di vaiolo delle scimmie, la Spagna sette e la Svezia uno. Un caso è già stato trovato negli Stati Uniti.

21 giorni in solitudine

Le Fiandre offrono un periodo di isolamento obbligatorio di 21 giorni per le persone infette dal virus del vaiolo delle scimmie. Gli esperti lo hanno deciso dopo essersi consultati su come affrontare la diffusione del virus, ha affermato l’Autorità sanitaria fiamminga.

READ  "Devi parlare con tutti coloro che rifiutano il vaccino".

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24