teatro italiano. Dalla Commedia dell'Arte all'opera

Gli italiani amano fare teatro. Prendiamo ad esempio le settimane della moda di Milano, il Festival del cinema di Milano o qualsiasi stadio di calcio. E anche nella vita di tutti i giorni, preferibilmente in stato di concitazione con le braccia alzate, gli italiani si rendono energicamente visibili e ascoltati. Il teatro è letteralmente nel suo sangue. Ma che dire della cultura teatrale in questo Paese di cineasti?

Come amante delle vacanze in Italia, non noterai che il teatro gioca un ruolo importante nella cultura italiana. Così come le chiese, i musei e gli stadi di calcio talvolta sostengono il Paese come veri e propri pilastri, anche i teatri sono templi. Gli anfiteatri all'aperto ricordano una storia che risale a secoli fa, ma i caratteristici teatri d'opera risalgono anche a tempi più antichi. La Scala A Milano è sacro e Lavinis E nientemeno che a Venezia (leggi di più sui teatri più belli).

Il teatro unisce

Anche le piccole città custodiscono le loro tappe con orgoglio e amore. Ciò è dovuto principalmente al fatto che il teatro unisce le persone e fornisce un palcoscenico per i sogni. Spettacoli e rappresentazioni seducono il visitatore o lo trasportano in un altro mondo, ma non sono meno spesso uno sbocco per la virtù sociale. Questo rende la serata una scusa per lacrime, brividi o completo relax.

Gli italiani sono generalmente un tipo sensibile e trovano nel teatro – molto più degli olandesi, per esempio – un amico che li intratterrà, li commuoverà o li sosterrà. In questo contesto, la performance spesso riflette un’affermazione di disagio politico o sociale. Il comico-critico che si sposta fortemente a sinistra dà parole allo spirito pubblico. 'Ha ragione! essere visto! L'ho sempre pensato! applausi!' Allora potrai sognare il giorno dopo in tutta tranquillità. Consideralo il valore calmante del teatro.

Commedia dell'arte

Personaggi e loro origini

Per quanto riguarda la storia della cultura teatrale, dobbiamo essere onesti con i nostri vicini. I greci furono i primi, centinaia di anni prima di Cristo sul palco Osare. I greci, come i romani, avevano ovviamente familiarità con la cultura dei leader. Quando parlavano, la gente ascoltava. In questa atmosfera, la scatola del sapone ha continuato a crescere Più che una vera e propria piattaforma, piuttosto che piani di attacco e strategie politiche, i greci lo vedevano anche come un trampolino di lancio per i leader letterari.

I poeti salirono sul palco e recitarono le loro opere. Dapprima da solista e all'aria aperta, poi come una sorta di competizione con i colleghi, e poi con un repertorio teatrale appositamente scritto. La tragedia greca era reale, conosciuta come la Tetralogia. Uno spettacolo può durare ore e per catturare l'attenzione del pubblico, i produttori teatrali primitivi del passato inventavano l'uso della musica e delle maschere.

Arlecino, il clownArlecino, il clown
Arlecino, il clown

dei greci

Molto più indietro nel tempo si trova una fonte più religiosa per l’industria teatrale. Nel corso degli anni, le tradizionali odi agli dei greci nella musica e nella danza sono state sempre più tradotte in forme culturali teatrali. Nascita e morte venivano immaginate e i credenti usavano azioni della vita quotidiana per chiedere aiuto “dall’alto”. Nella mascherata sul palco c'è un chiaro passaggio all'italiano classico Commedia quotidiana Machiri. Inizialmente questo era il nome di seri spettacoli teatrali in maschera eseguiti per l'élite. Re, notabili e altri intellettuali di buon lignaggio, come si suol dire.

PantalonePantalone
Pantalone

Versione popolare Commedia dell'arteTuttavia, nel XVI secolo si sviluppò in una vera e propria opera teatrale. Spesso gli spettacoli vengono rappresentati per la prima volta e il teatro amatoriale lascia il posto ad attori professionisti. Ad esempio, nel 1568 a Mantova furono ritrovate sceneggiature di rappresentazioni. Questi non erano testi fissi, ma costituivano la base di un gioco di ruolo. L'arte di questa pittoresca forma teatrale è l'improvvisazione. Gli attori rispondono agli eventi attuali e a persone specifiche.

READ  Helen Fisher è rimasta ferita durante l'esecuzione

maschera

La maschera gioca il ruolo principale molto più dell'attore. Simboleggia un carattere specifico ed è più o meno associato a una regione italiana. Ecco come diventa Il dottore È visto, ad esempio, come una parodia di uno studioso bolognese, mentre il vecchio mercante avaro Pantalone – Sempre vestito in costume – Un vero veneziano. Si presenta sempre in modo garbato, ma viene regolarmente preso in giro. Napoli fornita Capitano A Commedia dell'arte E servi bergamaschi Arlecino E Brighella; Uno è astuto, l'altro è ingenuo e sciocco.

PulcinellaPulcinella
Pulcinella

Pulcinella

A Pulcinella Vorremmo aprire un paragrafo a parte. Interpreta il ruolo di una cameriera comica, per così dire Adultero menzionato e divenne rapidamente uno dei preferiti del pubblico. Non solo in Italia, del resto Pulcinella, Pulcinella E Punch Fai una carriera internazionale. Inoltre il “pulcino bianco” con il suo cappello a punta si ritrova in molti dipinti italiani. E' un personaggio misterioso, forse è proprio per questo che. A volte era un uomo, a volte una donna, e anche gli storici della cultura non sono d'accordo sul fatto che lo fosse o meno Pulcinella Ora simboleggia la vita o la morte. La verità è che gli italiani lo hanno preso a cuore e gli olandesi niente di meno, perché dobbiamo all'eroe nazionale delle marionette Jan Klaassen questa stella del teatro.

Dottor BolognaDottor Bologna
Dottor Bologna

I suoi personaggi Commedia dell'arte Dopo il successo in Italia, si stanno spostando anche oltre confine. Così viene conquistata Parigi, prima in italiano e poi anche in francese. Anche questo genere esclusivamente italiano si è rivelato stimolante, perché ci stanno lavorando anche produttori teatrali di altri paesi. Fino al 1700, iniziò il nuovo secolo e vi fu una crescente domanda di teatro testuale serio e del cosiddetto melodramma. Del resto fu il riformatore teatrale Carlo Goldoni a dare, più o meno, il colpo finale al gioco delle maschere. Si è rivelata una morte apparente, perché i personaggi possono ancora essere visti dentro e fuori dall'Italia nel balletto, nella pantomima, negli spettacoli di burattini e – per non dimenticare – nel carnevale!

READ  Chiara può essere vista in Filmhuis

Carlo Goldoni, il grande riformatore

Teatro Carlo GoldoniTeatro Carlo Goldoni

Carlo Goldoni è nato a Venezia e si è avvicinato al teatro in tenera età. Aveva solo otto anni quando tentò di scrivere la sua prima opera teatrale. Il padre preferisce vedere un futuro diverso per il “Fantasy” e manda il figlio a Rimini, ma Carlo – forse ispirato dalla storia… Pinocchio Decide di tornare a Venezia con un gruppo di attori. Lì risponde alla sua vocazione: fare teatro. È così che entra in contatto con il potente direttore teatrale Medibak, che lo assume come drammaturgo. Combattono insieme contro il tradizionalismo Commedia dell'arte. Le sue opere sono principalmente critiche e sono paragonabili alle opere dello scrittore francese Molière. Gli italiani lo vedono per la prima volta È lui che mi perdona (Abdul Saydin) e sua madre.

Goldoni è considerato il grande riformatore della commedia italiana. L'Italia sembra piccolissima allo scrittore veneziano. Decide di visitare il suo modello e parte per Parigi. Questa non si rivelò una mossa immeritata, perché anche le sue composizioni francesi ebbero un enorme successo. Scrive Goldoni del Re e il matrimonio di Luigi XVI con Maria Antonietta in cambio di una bella pensione nella sua vecchiaia a Versailles. Gli italiani non hanno mai dimenticato lui e il museo CasaGoldoni A Venezia quindi è un numero obbligatorio per gli amanti della cultura. Qui si possono trovare esempi del suo lavoro e dei suoi compiti.

Opera a Venezia

Teatro La FeniceTeatro La Fenice
Teatro La Fenice

Chi pensa che Venezia non sia altro che la città dei canali, delle medaglie e dei piccioni si sbaglia. È una delle città culturali più grandi d’Europa. Qui nacque il drammaturgo Goldoni, ma qui furono gettate anche le basi di una delle forme più importanti del teatro italiano: l'opera!

Stiamo scrivendo il Rinascimento nella sua forma migliore. In effetti, l'opera nasce da più movimenti; Chiesa, strumenti e spettacolo teatrale convincente Pause. È una forma di teatro musicale, che unisce discipline come musica, teatro, canto, teatro e regia. Serve uno strumento per attivare spettacoli teatrali. Con elementi della mitologia greca e dell'essenzialismo EmozioneGli italiani possono divertirsi. Ci riuscì il compositore Claudio Monteverdi e, viste le influenze religiose, non sorprende che molte opere con i loro drammi liturgici furono rappresentate per prime nella Grande Basilica di San Marco nel XVII e XVIII secolo.

READ  Kevin Spacey rende omaggio al regista nel suo primo discorso pubblico da anni

Dopo gli anni del teatro Lavinis In città il posto sembra più conveniente. Inizialmente, gli eroi storici e il nazionalismo erano temi importanti nell'opera, e dal XVI secolo in poi si può vedere che i cambiamenti sociali hanno avuto un ruolo.

Teatro per il popolo

Nel XVII secolo l'opera era rivolta principalmente alla nobiltà e l'intrattenimento del pubblico acquisì maggiore valore commerciale. Gli italiani vogliono essere visti, perché l'immagine e lo status sono diventati così importanti. Anni dopo, anche il pubblico “normale” può nuovamente entrare in teatro. L'opera divenne più ampiamente disponibile e la soglia artistica fu abbassata: meno profondità, più romanticismo. Dopotutto, questo è ciò che la gente vuole.

Questo movimento continuò nel diciannovesimo secolo. Stanno aprendo nuove sale d'opera in cui la gente canta in volgare invece che in latino. Sono gli anni gloriosi dell'opera, con Rossini, Bellini e Verdi considerati i compositori più importanti. Inoltre, l'opera assume un carattere più politico, mentre i diversi percorsi di vita si avvicinano sempre più gli uni agli altri. Il teatro diventa un centro di unità e prevale il nazionalismo.

Peluche nella scatola

La maggior parte dei teatri in Italia hanno una ricca storia. Un tempo il teatro, la musica e l'opera erano tendenze importanti, ma questa visibilità si è ampliata solo nell'ultimo secolo. Sono stati aggiunti spettacoli, concerti pop e balletti, nonché musical. Ciò richiede in particolare le modifiche necessarie sul palco E dietro le quinte. Fortunatamente nella sala sono ancora tangibili i ricordi dei secoli precedenti. Oro, cristalli, dipinti su soffitti e oggetti di peluche in eleganti scatole per un pubblico di tutto rispetto. Rende la serata fuori con questo glamour davvero speciale.

San Carlo di Napoli

Il Teatro San Carlo di Napoli deve il suo splendore alla nobiltà del XVII e XVIII secolo. Hanno deciso e pagato. Pertanto i palchi reali venivano “appesi” direttamente di fronte o accanto al palco. La distribuzione degli altri seggi era coerente con l'ordinamento sociale, perché in quel momento il seggio determinava lo status sociale. Questa differenza di classe era meno pronunciata nei teatri del XIX secolo.

Lo stile architettonico tipico dei grandi teatri è ben visibile anche fuori dall'Italia. Ad esempio, molte sale hanno ancora la forma di un ferro di cavallo. All'epoca essere visibili era più importante che avere un'ottima visuale del palco. Chi c'è nella stanza?! Dopo lo spettacolo c'era ovviamente molto spazio per ritrovarsi, mangiare e bere. Anche oggi lo “stile italiano” non è cambiato: prima sul palco e poi a tavola!

Maggiori informazioni sul sito e sui biglietti per il teatro in Italia.
Festival lirici in Italia.

Teatro San Carlo di NapoliTeatro San Carlo di Napoli
Teatro San Carlo di Napoli

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24