colonna | La guerra di Putin costringe l’Europa a compiere passi da gigante

Nei primi giorni della guerra di Putin, l’Europa rimase sbalordita. In un’armonia senza precedenti, in pochi giorni furono prese decisioni che normalmente avrebbero richiesto anni di lotte diplomatiche.

La guerra è ora passata da un colpo di fulmine a una guerra di posizione estenuante. Ora che le due parti si stanno preparando a un conflitto prolungato, anche l’Europa sta riguadagnando la sua prospettiva a lungo termine. L’Europa si sta trasformando da un rapido aiuto di emergenza alle grandi domande del futuro. Allo stesso tempo, la tanto decantata compatibilità mostra il suo primo crack. La guerra divenne problematica anche per Bruxelles.

Lunedì il ministro degli Esteri Wopke Hoekstra (CDA) ha lanciato un appello per una maggiore “influenza europea” per proteggere l’economia, la democrazia e i valori europei. Se anche un ex pragmatico e frugalista del Nord vede la guerra come una lotta ideologica che ruota anche attorno al futuro dell’Europa, allora puoi star certo che la guerra di Putin avrà conseguenze di vasta portata per l’Unione Europea.

Leggi anche: Macron vuole il gateway dell’UE verso paesi come l’Ucraina

Mentre Hoekstra era ancora impegnato nell’analisi, il presidente francese Emmanuel Macron, che ama agire come un think tank, ha cercato di colorare questo futuro. Lunedì ha cercato una soluzione per l’Ucraina al Parlamento europeo, pensando ad alta voce. L’adesione all’UE richiederà anni, ma l’Ucraina deve aderire all’UE. Macron ha quindi creato un nuovo “Gruppo politico europeo” rivolto ai membri dell’Unione Europea, ai paesi che non vogliono essere membri dell’UE e ai paesi che non possono (ancora) diventarne membri.

READ  'Il segreto del successo cubano? vaccinare i bambini

È un esercizio intellettuale vago ma amichevole. È chiaro che se l’Ucraina sta combattendo per i valori europei, l’Europa non sarà presto in grado di abbandonare il Paese che sta combattendo.

Se l’Europa si impegna in una battaglia tra democrazia e autoritarismo, la guerra accresce le pressioni sull’Unione Europea per far entrare alcuni paesi dei Balcani occidentali, in trattative dal 2003. Dal punto di vista geopolitico non è più possibile lasciare il territorio a il nemico.

Creare un nuovo club politico non era abbastanza per Macron. Ha affermato che l’UE deve diventare più indipendente, efficace e democratica, stimolata da un mandato elettorale completamente nuovo. E se necessario, i trattati europei verranno riformati.

Se la guerra mostra l’importanza dell’influenza europea, ha senso solo intraprendere una riforma globale dell’Unione europea. La consultazione con i cittadini ha portato a quasi cinquanta proposte per questo rinnovamento. I cittadini che hanno partecipato alla Conferenza sul futuro dell’Europa hanno sostenuto, tra l’altro, il diritto di iniziativa al Parlamento e la creazione di liste elettorali transnazionali che consentano di votare per un membro del Parlamento europeo di un altro Paese. Le idee non sono nuove ma il loro momento è arrivato.

Un’altra opzione per rendere l’UE più democratica e decisiva è rimuovere il suo veto sulle decisioni di politica estera, come ha chiamato la scorsa settimana il primo ministro italiano Mario Draghi. Solo l’Europa, che può decidere rapidamente, ha credibilità agli occhi dei cittadini e del mondo, ha affermato.

Leggi anche: La minaccia di veto di Orban incombe sul boicottaggio del petrolio russo da parte dell’UE

Budapest mostra quanto sia problematico il veto in questi giorni. L’Ungheria (10 milioni su 450 milioni di cittadini dell’UE) ha deciso di fermare le importazioni di petrolio russo in ostaggio da quasi due settimane. Il divieto ha conseguenze dirette per l’approvvigionamento energetico per il quale vuole compensare. Ma il primo ministro Viktor Orban, appena rieletto, ama l’opposizione e ha buoni rapporti con Mosca.

READ  Un ministro tedesco sta cercando un'alternativa al gas russo nella regione del Golfo

Spingere e tirare l’olio tutto il giorno non sarebbe possibile nel futuro del mio pilota. Non è facile ribaltare un veto: ogni Paese ha il veto su questa decisione.

La presentazione di Urban è imbarazzante, ma si può dire che l’unità sta diventando più dura man mano che vengono prese sempre più misure contro la Russia e quelle misure diventano più dure. La resistenza ungherese ha un lato positivo: conferma che anche la politica europea è sempre una questione di interessi contrastanti. Non sarà diverso durante la ricostruzione dell’Ue, come hanno in mente Draghi e Macron. L’UE deve trovare un equilibrio tra i legittimi interessi degli Stati membri e la richiesta di forza derivante dalla guerra.

editore di geopolitica Michelle Kerris Scrive qui ogni due settimane sull’ordine mondiale inclinato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24