colonna | L’anti-inflazione è ora la cosa più importante

Nascondi quell’inflazione e fallo ora. Senza un’importante decostruzione, questo è il messaggio che la Banca dei regolamenti internazionali (BRI) sta inviando questa settimana. La relazione annuale della Banca dei regolamenti internazionali – e molte altre pubblicazioni di questo istituto – è una delle analisi migliori e più rilevanti dell’economia internazionale, del settore finanziario e della politica dei tassi di interesse delle banche centrali della BRI.

L’essenza dell’analisi della BRI: non è una normale “stagflazione con ristagno” in cui si rischia la fine, poiché c’è una stagnazione economica e un’inflazione molto alta. C’è un aspetto che differisce dal periodo precedente alla stagflazione negli anni ’70. Al contrario, il debito è salito a livelli record. Dalle aziende, dai cittadini, dai governi. E in diverse miscele, in tutto il mondo.

È difficile per i banchieri centrali affrontare la stagflazione. Se difendi l’economia e la prendi semplicemente per aumentare i tassi di interesse, l’inflazione potrebbe sfuggire al controllo. Ma se aumenti i tassi di interesse in modo rapido e deciso, lo slancio dell’economia è già così lento che può facilmente verificarsi una recessione. L’alto debito ora lo rende più difficile. Perché con l’aumento del tasso di interesse, le persone, le aziende e i governi si mettono nei guai più rapidamente. Ciò a sua volta ha implicazioni per la crescita economica e la stabilità finanziaria.

In particolare nei paesi emergenti, il debito è un grosso problema, soprattutto in valuta estera, in particolare il dollaro. Con i costi alimentari ed energetici in aumento in tutto il mondo, e quindi anche per loro, questi paesi sono ancora più vulnerabili.

Si potrebbe pensare che ora che i costi sociali dell’aumento dei tassi di interesse da parte delle banche centrali sembrano essere maggiori di prima, la BRI direbbe di prendersela comoda. Ma l’opposto è vero. Gli economisti sostengono che lo shock dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari, di cui ci stiamo occupando ora, potrebbe causare un’inflazione più ampia quando i prezzi erano già in aumento su un ampio fronte. Questo era già il caso fino a quando la Russia non ha aumentato i prezzi dell’energia e dei generi alimentari.

READ  Sivakov vince il Burgos Tour, tappa finale per Almeida | gli sport

Secondo la Banca dei regolamenti internazionali, le misure di inflazione sono sempre in ritardo. Gli indicatori previsionali, come quelli derivati ​​dai mercati finanziari, sono generalmente inaffidabili. Pertanto, ci sono buone probabilità che le banche centrali vengano lasciate indietro, l’inflazione rischia di allungarsi e superare le aspettative e dovranno recuperare significativamente più tardi. I necessari tassi di interesse più elevati influenzeranno ancora di più l’economia debole e il settore finanziario.

La banca centrale statunitense mira a mantenere la stabilità dei prezzi e ad aumentare l’occupazione. C’è altrettanto importante. In parole povere, la Banca Centrale Europea punta prima alla stabilità dei prezzi e solo successivamente all’economia. E non letteralmente nelle leggi, l’Eurozona dove in realtà i tassi di interesse non differiscono molto tra i paesi. In questo momento sono in corso piani, dati gli alti tassi di interesse in particolare in Italia.

Ma tali piani non nascondono il fatto che la politica monetaria, nello scenario di stagflazione con rischi di debito, è alla pari di molte incognite. L’unica via d’uscita è nominare almeno una di queste incognite. Ovviamente, questa sarà alla fine la lotta contro l’inflazione. Non sorprenderti se gli aumenti dei tassi di interesse, soprattutto in Europa, sono maggiori o superiori alle attese.

Martin Schinkel Scrive di economia e mercati finanziari.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24