Come reagiranno i paesi delle vacanze ai numeri di infezione olandesi?

Spagna

La Spagna rosso-arancio non oscillerà rapidamente se i Paesi Bassi cambiano il colore della corona. Se il Servizio sanitario europeo ECDC identifica i Paesi Bassi come una zona di pericolo rossa, è probabile che Madrid non ostacolerà direttamente l’arrivo degli olandesi in Spagna.

I vacanzieri dell’UE sono ora i benvenuti in Spagna con un “passaporto corona” che dimostra che il visitatore è stato completamente vaccinato, può presentare un test negativo o è stato dichiarato guarito dal coronavirus. La quarantena all’arrivo in Spagna non è necessaria.

Questo vale anche per i visitatori del vicino paese “rosso” Portogallo. Ma anche, ad esempio, per i visitatori di un paese extra UE il Regno Unito, che sarà anch’esso rosso secondo gli standard dell’ECDC.

La posizione della Spagna è comprensibile: il turismo è un pilastro molto importante dell’economia. Il paese non vuole vedere un’altra estate disastrosa dopo l’anno scorso e quindi, come le destinazioni soleggiate dell’Europa meridionale, sta facendo una campagna per attirare i turisti. Ma le infezioni in rapido aumento della Spagna hanno messo il Paese molto indietro: i Paesi Bassi sconsigliano da tempo i viaggi non essenziali in Spagna, ad eccezione delle Isole Canarie e delle Isole Baleari. Anche la Spagna è stata una destinazione a rischio per Francia e Germania da questa settimana.

La variante delta è prevalente tra i giovani in Spagna e nelle località balneari destinate alle vacanze di festa. Ad esempio, un grande focolaio di malattia a Maiorca tra i giovani spagnoli ha recentemente provocato l’esplosione di nuovi incendi in tutta la Spagna.

I momenti di relax vengono ormai annullati in tutto il paese, a cominciare dalla vita notturna e dall’ospitalità. I vacanzieri stranieri che ora stanno viaggiando in Spagna dovranno affrontare questo.

Folle di festa sabato sull’autostrada A7, Route du Soleil.Foto AFP

Sabato i vacanzieri sperimenteranno la congestione sulle autostrade europee

Secondo l’ANWB si registrano ritardi in particolare in Francia. Ad esempio, gli utenti della strada sull’autostrada A10 da Parigi a Bordeaux e la Spagna devono considerare un tempo di viaggio aggiuntivo di 4,5 ore e il viaggio sulla A6/A7 verso Orange richiede 4 ore in più. Anche le strade della Francia centrale via Clermont-Ferrand sono piene.

In Svizzera, secondo ANWB, ci sono altre 2,5 ore di viaggio sulla A2 Basilea-Chiasso per il Tunnel del San Gottardo. È anche affollato nel sud della Germania e la strada da Würzburg a Salisburgo è in ritardo di più di due ore. In Italia c’è un ingorgo sull’autostrada A14, Bologna in direzione Rimini. Il tempo di percorrenza aggiuntivo qui è di 2 ore.

Italia

Gli olandesi che sognano di trascorrere presto le vacanze nel paese più bello d’Europa, non devono preoccuparsi di non entrarci. Perché sembra che alle autorità italiane non importi molto del rapido aumento del numero di contagi nei Paesi Bassi. Se i Paesi Bassi diventano rossi sulla mappa europea dei virus per il prossimo futuro, ci vorrà del tempo prima che l’Italia adotti misure.

E se lo farà, il Ministro della Salute italiano probabilmente sceglierà di consentire solo i turisti olandesi completamente vaccinati (attualmente, un risultato negativo molto recente di un test PCR o di un test dell’antigene è sufficiente per i viaggiatori non vaccinati provenienti dai Paesi Bassi completamente o prove di trattamento). Questi sono anche i requisiti che l’Italia rischia di imporre alle persone che vengono qui da Spagna e Portogallo, due paesi che sono stati completamente o parzialmente rossi per più di una settimana.

sul giornale Profeta sabato mi sono alzato L’Italia sta per erigere questa barriera. Quando si tratta di Europa, solo i viaggiatori dal Regno Unito – dove la temuta variante Delta è avanzata così rapidamente – devono mettere in quarantena qui per cinque giorni, prima di fare il test.

Una nota a margine sulla procedura di ingresso è che i turisti che entrano in Italia non vengono affatto controllati. A nessuno importa dei requisiti sulla carta, si scopre dopo un piccolo campione di olandesi che attualmente si sta godendo un’estate soleggiata in Italia. Questo vale per i vacanzieri che vengono in auto, così come per quelli che hanno viaggiato qui.

Per l’Italia – dove il numero dei contagi è basso, ma sta lentamente tornando a salire – è difficile intervenire in maniera aggressiva, proprio come in Spagna, perché il Paese guadagna molti turisti. Il settore rappresenta in genere circa il 12% del PIL italiano.

Grecia

Nelle prossime settimane, gli olandesi potranno stendere un asciugamano su una spiaggia di Kos, scalare l’Acropoli di Atene o godersi il tramonto a Santorini? Molto probabilmente sì. La possibilità che i greci impongano restrizioni ora che i Paesi Bassi diventeranno presto rossi sulla mappa della Corona europea, sembra piccola.

Dopotutto, la Grecia è stata uno dei primi paesi europei a riaprire ai turisti due mesi fa, quando quasi tutta la mappa europea era ancora rossa. Chiunque sia stato vaccinato, sottoposto a un test negativo (rapido) o recentemente guarito dal COVID-19 è al sicuro e benvenuto per venire a festeggiare. Che provenga da un’area verde o rossa.

Più che per la corona nel paese di origine, i greci sono preoccupati per gli ostacoli fuori dal loro controllo che hanno tenuto lontani i turisti fino ad ora. Un esempio di ciò è che i Paesi Bassi hanno messo un intero gruppo di isole sul codice arancione a giugno, in modo che i viaggiatori abbiano fatto le valigie e altri abbiano visto il loro volo cancellato. I greci aspettano con impazienza il 19 luglio, quando gli inglesi – il secondo gruppo di turisti in Grecia – non dovranno mettere in quarantena una volta tornati a casa. Col senno di poi, Athena brontolò. E solo dopo intense pressioni da altri paesi dell’UE il governo ha reso obbligatori i test per i russi che erano stati vaccinati con il vaccino Sputnik.

Dal punto di vista economico, la politica del libero accesso è comprensibile: i vacanzieri forniscono più di un quinto del reddito totale. Il governo punta a metà del suo picco del 2019 quest’anno, ma l’industria del turismo ora considera realistico dal 30 al 35 percento dopo tutte le battute d’arresto.

Leggi anche:

Turismo più sostenibile in Spagna dopo la pandemia? Costa rivuole i tifosi

Sembrava musica per le orecchie degli spagnoli: dopo la pandemia di Corona, ci sarà un’altra forma di turismo più sostenibile. Ma non c’è segno di questo cambiamento sulla Costa del Sol.

READ  È innamorata e fa l'errore che fanno le donne in amore. Lei sta ascoltando.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24