Giovedì sera si può ammirare l’ultima superluna

La luna piena sarà venerdì 12 agosto e alle 3:36 l’ora attuale sarà a 361.409 km dalla Terra. È relativamente vicino, ma si discute se sia abbastanza vicino per parlare di una luna gigante.

L’astrologo americano Richard Noll ha coniato il termine superluna nel 1979 e ha definito questo fenomeno come: “Una luna nuova o piena si verifica nel punto più vicino (o entro il 90 percento del suo punto più vicino) alla Terra in una certa orbita (perielio). In breve, il Terra, Luna e Sole sono tutti allineati, con la Luna più vicina alla Terra”.

In altre parole, una superluna si verifica quando una luna nuova o una luna piena, o all’incirca entro il 90 percento, coincidono con il momento in cui la luna è più vicina alla Terra. Su ogni luna nuova o piena, la Terra, la Luna e il Sole sono allineati.

Fred Aspink

Il problema è che Knoll non ha specificato un “lavoro specifico” e non ha spiegato perché ha scelto il 90 percento come margine. A causa di questa ambiguità, gli astronomi spesso si affidano ai dati dell’astrofisico americano Fred Espenak, che ha lavorato alla NASA per più di 30 anni ed è anche noto per le sue previsioni di eclissi, nella loro identificazione delle superlune.

Fred Espenak ha compilato elenchi di perigeo, apogeo e fasi lunari per identificare le future superlune. Il perigeo è il punto più vicino che la luna raggiunge in una rivoluzione completa attorno alla terra. Apogeo è il punto più lontano dalla luna. Perigeo e apogeo esistono perché l’orbita della luna attorno al sole non è un cerchio perfetto, ma un’ellisse (ellisse), quindi la distanza tra la luna e la terra non è sempre la stessa. La distanza media del perielio è di circa 363.000 km dalla Terra e la distanza media dell’apogeo è di circa 405.500 km.

Giovedì notte, la luna piena non sarà al perigeo, ma sarà almeno al 90%, calcolato da perigeo e apogeo per l'”orbita mensile” di agosto e non per l'”orbita dell’anno 2022″, come ha fatto Nol. Noll guardò la depressione più vicina e il climax più lontano dell’anno. Ha preso il 90 percento di questa differenza come base per misurare la deviazione consentita dalla grondaia.

Espenac fece i suoi calcoli sulla base del perielio e dell’apogeo per il mese in questione e la distanza dalla luna piena per quel mese. Questo spiega perché nelle tavole di Espenac del 16 maggio 2022 e del 12 agosto 2022 troviamo piramidi giganti, mentre queste date non sono state conservate da Nolle.

READ  Per la prima volta, una sonda spaziale esaminerà un mondo fatto principalmente di metallo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24