Gli scienziati stanno lavorando a un vaccino contro il corona che puoi inalare

I primi risultati sono promettenti: i roditori hanno prodotto grandi quantità di anticorpi dopo aver ricevuto il vaccino.

Il vaccino contro la corona ora può essere somministrato solo attraverso una puntura nel braccio. Ma chiunque odia gli aghi può sbizzarrirsi. Gli scienziati stanno lavorando a un nuovo metodo. E questo attraverso un vaccino che puoi inalare.

Fagin
I ricercatori hanno utilizzato fagi modificati; Conosciuto anche come fagi. Questi sono virus che colpiscono i batteri, ma sono sicuri per l’uomo. In effetti, i fagi sono stati usati per curare le infezioni batteriche per un secolo.

Maggiori informazioni sui fagi
Gli scienziati hanno scoperto i fagi alla fine del XIX secolo, dopo di che sono stati utilizzati per un breve periodo per combattere alcuni tipi di infezioni batteriche. Con l’avvento degli antibiotici, i fagi sono in qualche modo sbiaditi nell’oblio. Tuttavia, questo è cambiato negli ultimi anni, in parte perché sempre più batteri stanno sviluppando una resistenza agli antibiotici. Nel frattempo, si sta valutando attentamente se i fagi – in realtà i nemici naturali dei batteri – possono essere usati per uccidere (batteri che causano malattie). Ma i fagi possono anche svolgere un ruolo importante nella crisi della corona.

Nello studio pubblicato sulla rivista PNASIl team ha imitato diversi epitopi – una piccola porzione facilmente accessibile di una grande molecola che può essere riconosciuta da anticorpi del sistema immunitario, cellule B e cellule T – alla proteina SARS-CoV-2. “Volevamo trovare frammenti che imitassero la struttura del picco in modo che potessero essere usati per insegnare al sistema immunitario a riconoscere il virus”, ha detto il ricercatore dello studio Paul Whitford. I ricercatori hanno quindi posizionato epitopi sulla superficie del fago. Quando i fagi modificati vengono inalati e poi rilasciati nei polmoni, forniscono protezione al sistema immunitario. In altre parole, insegnano al nostro sistema immunitario a proteggersi dall’infezione da COVID-19.

READ  Corona in Belgio | 330 pazienti Covid in terapia intensiva

promettente
I risultati preliminari dello studio sono promettenti. Ad esempio, l’epitopo 4 sembrava rimanere il più stabile dopo l’applicazione sul fago e produceva anche la migliore risposta immunitaria. I ricercatori hanno testato i loro risultati sui roditori. Gli esperimenti hanno mostrato che i roditori hanno prodotto grandi quantità di anticorpi dopo aver ricevuto il vaccino.

Ciò che rende questo vaccino inalabile di nuova concezione particolarmente interessante, secondo i ricercatori, è che una singola proteina può trasportare un gran numero di epitopi. Inoltre, può essere facilmente modificato per fornire protezione contro le varianti di COVID-19. Il vaccino è scalabile e adattabile e può anche essere trasportato e conservato a temperatura ambiente.

espansione
I ricercatori dell’attuale studio non hanno ancora finito. Nella fase successiva, hanno in programma di espandere la loro ricerca di episodi sempre migliori. “Cercheremo di esaminare al computer l’intera superficie della proteina spike per trovare nuovi epitopi”, ha affermato il leader dello studio Jose Onochek. In questo modo, i ricercatori stanno cercando di contribuire allo sviluppo di un singolo vaccino che protegga da molti tipi di COVID e possa essere trasferito senza la “catena del freddo” necessaria per i vaccini attuali. “Questa sarà la chiave per contenere la pandemia globale”, ha affermato la ricercatrice Renata Pasqualini.

Con lo studio i ricercatori stanno facendo un passo importante in questa direzione. “La pandemia globale di COVID-19 ha aumentato la consapevolezza delle disuguaglianze nella salute pubblica e della necessità di un’immunizzazione rapida e accessibile”, ha continuato Pasqualini. “In questo senso, le proprietà biologiche benefiche delle molecole dei fagi potrebbero fornire un’alternativa pratica e conveniente”.

Fagi nella lotta contro il virus corona فيروس

I fagi possono essere utilizzati anche in altri modi per combattere il coronavirus. Gli scienziati stanno anche studiando se Può essere usato per combattere pericolose infezioni batteriche che compaiono in alcuni pazienti gravemente malati di corona. Inoltre, i fagi modificati possono essere utilizzati per produrre anticorpi contro SARS-CoV-2 che possono poi essere somministrati ai pazienti. Molti pazienti con corona gravemente malati sviluppano un’infezione batterica che può essere in gran parte responsabile del più alto tasso di mortalità, almeno tra i pazienti più anziani. Quindi il corpo non solo combatte il virus, ma deve anche combattere queste infezioni batteriche. Con l’aiuto dei fagi, il numero di batteri e la loro diffusione possono essere ridotti. Ciò offre al sistema immunitario l’opportunità di concentrarsi completamente sulla lotta al virus Corona e sulla produzione di anticorpi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24