Il ministro Hoekstra non ha infranto nessuna legge, ma era cieco alle questioni morali

L’italiano scrive “Da accusatore ad accusato” sito di notizie Informazioni su Wopke Hoekstra – Da pubblico ministero a imputato. Il nome del leader del CDA e ministro delle finanze è da domenica in una lista che la maggior parte dei funzionari del governo non vuole apparire: un nome con politici e altri dignitari che mettono i loro soldi nei paradisi fiscali o investono attraverso di loro. Hoekstra si trova tra lo sceicco Hamad bin Jassim Al Thani, sceicco del Qatar, Sebastian Pinera, presidente del Cile, Denis Sassou Nguesso, presidente del Congo e Guillermo Laso Mendoza, presidente dell’Ecuador. L’elenco è uscito attraverso il collettivo International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ) – nei Paesi Bassi attraverso i rispettivi media. devozionee Financial Times occupazione ricerca.

Alcuni media italiani come la rivista caffè espresso, inclusa la dura posizione di Hoekstra durante l’apice della crisi di Corona. Le economie dei paesi dell’Europa meridionale sono state duramente colpite e altri paesi europei hanno mostrato la loro volontà di fornire supporto finanziario, ma Wöbke Hoekstra ha mantenuto la pressione dura. Prima voleva stabilire le condizioni per le riforme e sapere perché quei paesi non stavano costruendo barriere. E così Hoekstra ha sottolineato le carenze nel libro finanziario della sua famiglia e ora è in strada.

Non infrangere nessuna regola

Nei documenti trapelati rilasciati da domenica, i documenti di Pandora si chiamano Hoekstra sono archi olandesi. Nel 2009, durante la crisi dell’euro, ha investito più di 25.000 euro nella compagnia di un amico, che offre safari in Africa. L’investimento è stato effettuato tramite buca delle lettere nelle Isole Vergini britanniche, che è noto come uno dei più grandi paradisi fiscali del mondo.

READ  Feyenoord e Ajax entrano nel mercato delle criptovalute: i fan possono partecipare al processo decisionale del loro club tramite "gettoni fan"

Hoekstra possedeva ancora le azioni quando ha iniziato come senatore per il CDA nel 2011 – era il portavoce delle finanze e vicepresidente dell’omonima commissione – ma non lo ha segnalato al Senato. In qualità di senatore, Hoekstra ha contribuito con idee sulla lotta internazionale all’evasione fiscale.

Hoekstra ha venduto le sue quote solo nel 2017, una settimana prima di prestare giuramento come ministro delle finanze. Ha detto di aver donato la somma di circa 4.800 euro a una buona causa.

Hoekstra si è difeso dopo i post sui suoi investimenti dicendo su Twitter che non era un portavoce fiscale del Senato, non ha infranto le regole dei senatori e ha sempre menzionato gli investimenti nella sua dichiarazione dei redditi. Hoekstra afferma anche che prima di diventare ministro, “ha condiviso tutte queste informazioni con il procuratore di Stato, e quindi con il coordinatore” – era Mark Rutte. E: “Dodici anni fa non mi rendevo conto di dove fosse l’azienda. Ovviamente avrei dovuto guardarlo di più allora”.

Quest’ultimo punto è discutibile. Altri investitori nello stesso progetto hanno detto a Trouw, uno dei giornali con i documenti, che il sito era già presente nei documenti ufficiali della società. Hoekstra ha detto a Trouw di non aver mai letto i rapporti annuali della società in cui ha investito. Ma se Hoekstra afferma di non sapere di aver investito attraverso un paradiso fiscale, la domanda rimane: cosa ha riferito il procuratore di stato nel 2017?

L’intenzione dell’accordo di coalizione

Quando divenne ministro delle finanze, Hoekstra aderì all’accordo di coalizione per il terzo governo Rutte. Da qui l’intento citato anche qui: il governo ha voluto “fare uno sforzo internazionale per affrontare i paradisi fiscali” e “dare il buon esempio” stesso adottando misure: tasse (Stati a bassa tassazione)”.

READ  Il Tempo: il Vaticano dialoga con i talebani

In breve: come ministro, Hoekstra ha tentato di rimediare a ciò che lui stesso aveva conservato fino a una settimana prima di prestare giuramento utilizzandolo. È come se il ministro della Giustizia gestisse un caffè prima di prestare giuramento e poi volesse frenare la politica della tolleranza.

Hoekstra non sembra infrangere nessuna regola al momento, ma la politica riguarda anche l’etica, specialmente nel CDA, il partito che guida da dicembre. Per inciso, il contrasto all’evasione fiscale faceva parte dei compiti del ministro degli Esteri: Menno Snel per primo, ma quando si è dimesso per la questione delle indennità è diventato Hans Felpreev.

Hoekstra non ha infranto le regole, ma è stato anche cieco alla questione morale. Secondo il sistema non ha commesso errori, ma se permettesse qualcosa la vorresti?

CDA vs

Non secondo la festa che fa Hoekstra. Il CDA parla candidamente di evasione ed elusione fiscale. A proposito, quest’ultimo non è punito in Olanda. Nel manifesto elettorale dal 2017 Il CDA ha scritto che i Paesi Bassi “devono reprimere le aziende e le multinazionali che evadono o evadono le tasse con la costruzione intelligente”. Il partito voleva accordi europei in modo che le aziende non potessero fare ricorso [zouden] Ricerca tutti i tipi di paradisi fiscali.” E: “Nei Paesi Bassi, possiamo essere più severi riguardo all’abuso della nostra rete di trattati fiscali”.

Nel il più recente Nella piattaforma elettorale CDA di quest’anno, quei passaggi sono stati cancellati e sostituiti con l’ambizione che le aziende che operano a livello internazionale debbano pagare le tasse nel paese in cui realizzano profitti. “All’interno dell’OCSE, facciamo accordi rigorosi su tasse più eque per le aziende che operano a livello internazionale e se ciò richiede molto tempo, sono possibili accordi europei”.

READ  Queste piccole auto hanno salvato la BMW dalla distruzione...

Il programma è più realistico nell’affrontare il ruolo olandese nell’agevolare l’evasione fiscale. “Stiamo facendo più passi in modo da non essere più un paese di transizione. Non c’è posto per le società di posta elettronica senza attività economiche reali. Ad esempio, il settore fiduciario non può più fornire sedi o fornire manager per le società di canale e le società di casella delle lettere”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24