Indebitarsi come antibiotici alla crisi non è più fattibile, l’economia dovrà soffrire

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi al Parlamento Europeo a Strasburgo.immagine ANP

Quest’estate, il 26 luglio per l’esattezza, saranno dieci anni fa l’allora presidente della BCE Mario Draghi usò le leggendarie parole ‘Qualunque cosa tu prenda, qualunque cosa costi‘ Lei disse. Questo mise fine alla crisi dell’euro in un colpo solo. Draghi ha promesso di continuare a pompare denaro nell’economia fino a quando i tassi di interesse non torneranno a livelli accettabili, consentendo ai paesi dell’Europa meridionale di rifinanziare il proprio debito. Ha mantenuto la parola data.

Draghi è presidente del Consiglio da più di un anno e sta affrontando una nuova crisi del debito, che potrebbe mettere di nuovo in seria difficoltà il Paese. I rendimenti dei titoli di Stato sono in forte aumento ovunque, ma nei paesi dell’Europa meridionale, come all’epoca, più velocemente che al nord. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni è salito al 3% in breve tempo. È ancora molto lontano dal 6 e 7 per cento che prevalevano nel 2010-2012, ma se i tassi di interesse continuano a salire al ritmo attuale, non passerà molto tempo prima che l’Europa meridionale chieda nuovamente aiuto. Una nuova crisi dell’euro è imminente.

Al momento, non sembra che la Banca centrale europea intenda essere di nuovo la salvatrice. Christine Lagarde, successore di Mario Draghi, ha annunciato di voler smettere di finanziare il debito pubblico quest’estate. Anche l’aumento dei tassi è nell’aria.

Il motivo per cui la BCE non mostra di nuovo il suo lato generoso è l’elevata inflazione. Quando l’inflazione sale, il rubinetto del denaro deve essere chiuso e i tassi di interesse alzati, secondo le leggi economiche. La questione è, tuttavia, se queste leggi siano pienamente applicabili nella situazione attuale. Secondo la teoria economica, i bassi tassi di interesse e le massicce iniezioni di denaro da parte della Banca centrale europea avrebbero dovuto portare all’inflazione negli ultimi anni. Questo non è successo. Il legame diretto tra interesse e inflazione sembra essere scomparso. Quindi non è certo che un aumento dei tassi di interesse possa smorzare l’inflazione.

READ  Le borse europee hanno chiuso in ribasso

Nello scenario ideale, un rialzo dei tassi di interesse Ciò significa che governi, imprese e consumatori diventeranno più parsimoniosi e investiranno meno soldi nell’economia, in modo che l’inflazione non venga più alimentata inutilmente ma inizi a diminuire. Nel peggiore dei casi – e attualmente lo scenario più probabile – l’inflazione rimane elevata e ne consegue una nuova crisi del debito, con tassi di interesse in rapido aumento e governi incapaci di far fronte ai propri obblighi finanziari.

In quest’ultimo caso le opzioni restano due: o la Bce fa un altro passo a cuore, astenendosi dall’aumentare i tassi di interesse e riprendendo le iniezioni di liquidità, con il rischio che l’inflazione rimanga alta o addirittura aumenti ulteriormente. Oppure i membri della zona euro dovrebbero venire in aiuto dei loro fratelli nell’Europa meridionale. Ciò porterà inevitabilmente a negoziati complessi che paralizzeranno la politica e l’economia europee, proprio come è successo con la precedente crisi dell’euro.

Entrambi gli scenari non sono attraenti. A causa dell’inflazione, questa volta non sembra esserci una via d’uscita facile e indolore. Dalla crisi finanziaria del 2008, ogni crisi è stata risolta indebitandosi di più, come una sorta di antibiotico per l’economia. Ad un certo punto, questo farmaco smetterà di funzionare e l’economia dovrà morire. Piuttosto che voler evitare ogni sofferenza economica, la politica dovrebbe prima di tutto Scopri come condividere il tuo dolore in modo equo.

La posizione del giornale è espressa nel Volkskrant Commentaar. È stato creato dopo una discussione tra i commentatori e il caporedattore.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24