La Corte dei conti spagnola distrugge i leader catalani – De Groene Amsterdammer

Barcellona – La Spagna è ancora una democrazia liberale, visto il modo in cui tratta gli avversari politici? Questa volta la domanda è stata posta dall’economista italiano Michel Boldrin. Condivide le preoccupazioni di un esercito di premi Nobel per l’economia – 33 dei quali, tra cui Paul Krugman, Angus Deaton e Joseph Stiglitz – che hanno espresso il loro sostegno al collega catalano Andrew Mas Collele in una lettera aperta. La Corte dei conti spagnola minaccia di corrompere lui e altri 40 ex membri del governo catalano chiedendo milioni.

Dal 2010 al 2016, Mas Colel ha ricoperto la carica di Ministro dell’Economia regionale. Qui sta il problema, perché nel dicembre 2017 la Corte dei conti ha avviato un’indagine sulla politica estera catalana dal 2011. Qualsiasi spesa del governo regionale potrebbe essere collegata in un modo o nell’altro al rafforzamento dell’aspirazione catalana all’indipendenza all’estero. lente d’ingrandimento.

Non è consentito dire oltre confine che si sostiene l’istituzione del proprio stato, o tenere un referendum su questo tema: tre quarti dei catalani lo vogliono. Almeno non se le spese del viaggio sono pagate con i soldi del governo. In una prima relazione, la Corte dei conti ha rilevato “irregolarità” per 416 milioni di euro.

Esempio. Nel giugno 2014, il primo ministro regionale Artur Maas ha inaugurato un impianto al plasma per la multinazionale catalana Grifols negli Stati Uniti. I giornalisti hanno subito chiesto informazioni sui piani per il referendum e sulla resistenza spagnola contro di esso. “Se ci negano il diritto di voto, abbiamo una lotta”, ha detto Maas. “Uno scontro di civiltà, in cui tutti dobbiamo esprimerci con rispetto”. Conclusione del tribunale: le spese del viaggio di Mas e del viaggio dell’intera delegazione commerciale catalana negli Stati Uniti sono falsificate. “Questo è pazzesco”, dice una delle persone colpite. “È un assalto alla libertà di espressione”.

READ  Sport Court: KNVB parla con il governo per consentire le partite nazionali in anticipo | sport

L’importo della causa contro i 41 sospetti sarà annunciato questa settimana. Senza processo, perché la Corte dei Conti non è un tribunale. Saranno ascoltati per primi. Ad esempio, Andreu Mas-Colell e altri potrebbero cercare di difendersi da diciottomila pagine di documenti che non chiariscono chi è accusato di cosa. Se non riescono a pagare la cauzione – secondo gli addetti ai lavori, da cinque a 25 milioni di euro – i loro beni e redditi verranno immediatamente confiscati. Un appello può richiedere cinque o sei anni. Fino ad allora, il precipizio finanziario minaccia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24