La sonda su Marte trova prove di gravi inondazioni su Marte

Nuove immagini rivelano anche dove il rover può raccogliere al meglio nuovi mostri.

La perseveranza su Marte perseguita ancora il cratere Jezero; Un’area su Marte che gli scienziati ritengono fosse un lago vulcanico pieno d’acqua miliardi di anni fa. La fossa si è prosciugata da tempo, quindi il rover si sta facendo strada attraverso il pavimento rosso crepato. Con la sua macchina fotografica in mano. Le nuove immagini ora rivelano una nuova fetta dell’intrigante storia di Jezero Crater.

Kodiak
Perseverance ha scattato alcune istantanee delle formazioni rocciose e delle scogliere in un’antica regione del delta su Marte, inclusa una roccia prominente soprannominata “Kodiak”. Nel suo antico passato, Kodiak si trovava all’estremità meridionale del delta. Prima dell’avvento di Perseverance, The Rock era stato fotografato solo dallo spazio. Ma grazie al rover su Marte, gli scienziati stanno ora manipolando le foto ravvicinate.

foto di Kodiak Rock. Foto: NASA/JPL-Caltech/ASU/MSSS

Nuove immagini rivelano dettagli intriganti sulla roccia, come la sequenza di strati successivi di roccia lungo il lato orientale. Questi, a loro volta, forniscono nuove informazioni su quando si sono verificati i depositi geologici.

lago del cratere
Conferma i sospetti degli scienziati che un tempo acqua ricca scorreva attraverso il cratere Jezero. “Mai prima d’ora sono stati visti strati così ben conservati su Marte”, ha detto il ricercatore Nicholas Mangold. “Questa è l’osservazione più importante che dimostra una volta per tutte che un tempo esistevano un lago e un delta fluviale sul cratere Jezero.”

rocce
Sebbene questo sia ovviamente un risultato notevole, i ricercatori sono rimasti molto sorpresi dalla storia che raccontano le immagini delle scogliere nel delta nord-orientale. I ricercatori hanno scoperto strati di roccia simili a quelli di Kodiak nella metà inferiore dei ripidi pendii. Ma verso la vetta, la squadra ha trovato massi e massi. “Abbiamo visto diversi strati nelle ripide scogliere con massi di dimensioni fino a 1,5 metri, che abbiamo appreso non avevano alcun problema lì”, spiega Mangold.

Diverse piste sormontate da pietre e massi. Foto: NASA/JPL-Caltech/ASU/MSSS

Secondo il team, c’è solo una spiegazione per questo. E questo è stato miliardi di anni fa, il delta di Jezero sotto forma di ventaglio ha subito gravi inondazioni. Queste pietre e macerie venivano portate dalle alture che venivano poi depositate sui ripidi pendii. Mangold e il suo team stimano che i torrenti d’acqua necessari per spostare le rocce – alcuni per decine di chilometri – abbiano raggiunto velocità stupende da 6 a 30 chilometri all’ora.

READ  VieCuri può identificare la causa del dolore toracico | 1 Limburgo

mostri
Nuove immagini rivelano anche dove Perseverance può raccogliere nuovi mostri. “Nella nostra ricerca di composti organici e biofirme, ora possiamo scommettere meglio sui migliori materiali granulari trovati sul fondo del delta”, ha affermato il ricercatore Sanjeev Gupta. Inoltre, le rocce in alto ci permetteranno di assaggiare antichi pezzi di roccia crostale. Entrambi sono quindi all’ordine del giorno”.

Lago del cratere
Lentamente ma inesorabilmente, gli scienziati stanno iniziando a comprendere meglio il cratere Jezero. All’inizio della storia dell’ex lago, si pensava che il livello dell’acqua fosse abbastanza alto da raggiungere il bordo orientale del cratere, con immagini precedenti che già rivelavano i resti di un fiume zampillante. L’attuale studio fornisce ulteriori prove per questo e descrive le dimensioni del lago, che ha subito un cambiamento significativo. In questo modo, il livello dell’acqua sale e scende di decine di metri nel tempo, prima che l’acqua scompaia completamente. Sebbene non sia noto se queste fluttuazioni del livello dell’acqua siano state causate da inondazioni o da graduali cambiamenti ambientali, ora sappiamo che ciò si è verificato solo più tardi nella storia del cratere Jezero, quando il livello dell’acqua era di almeno 100 metri sotto il livello del mare più alto A livello mai raggiunto.

Probabilmente non passerà molto tempo prima che gli scienziati raccolgano altri pezzi del puzzle. Il delta sarà il punto di partenza per le prossime due missioni di Perseverance. “Una migliore comprensione del delta di Jezero è la chiave per comprendere il cambiamento nell’idrologia della regione”, osserva Gupta. “Potrebbe anche fornire preziose informazioni sul motivo per cui l’intero pianeta alla fine si prosciuga”.

READ  Come è avvenuta tutta questa biodiversità sulla Terra?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24