Lunigiana – nascosta dietro la Riviera


LongianaIl pittoresco paesaggio che si trova tra la Riviera italiana, la Toscana e l’Emilia-Romagna, è un paesaggio pieno di villaggi dai colori chiari. Le incantevoli valli del fiume Magra e dei suoi affluenti sono costellate di fortezze e castelli medievali. Ci sono laghi limpidi lungo il fiume dove puoi nuotare, ma raramente compri una cartolina.

ai piedi dell'Appennino

Un pezzo di Toscana appena coltivato dal turismo, la strada verde per l’Appennino dalla foce del fiume Magra. Il fiume è lungo 62 chilometri, attraversa valli, per poi sfociare nel mare nella provincia di La Spezia e nella vicina provincia di Massa Carrara, la provincia più settentrionale della Toscana. La zona ha dato il nome al porto romano di Luni dal II secolo a.C. Alcuni chiamano gli abitanti della Lunigiana adoratori della luna (luna = luna). L’acqua a valle è leggermente salmastra, e nell’entroterra si trovano spesso cascate di varia altezza provenienti dalla Lunigiana che la attraversano.

Piscina naturale a Pontremoli

Per le strade del Medioevo Pontremoli Puoi guardare gli eleganti cortili, le case degli avvocati che si sono arricchite delle liti tra vicini di casa nei paesi vicini. Alcuni marchesi abitano ancora in piccoli castelli, ma ce ne sono molti altri in vendita. Forse perché le nuove generazioni non si accontentano più di una vita di foraggiamento di funghi e castagne. La Lunigiana è relativamente sconosciuta nella stessa Italia, anche se il cantante Zucchero Fornaciari ha una casa a Pontremoli. Quindi pensate all’aria fresca e al buon cibo, ai tanti castelli e borghi medievali come Roca de Codipunta,

Stretto di Giardio

Equi Terme lNon molto oltre. Fare il bagno nell’acqua sulfurea della sorgente costa quanto un tuffo nella piscina locale ed è spesso prescritto dai medici italiani. Dalla località di Pontremoli al mare tramite l’Autostrada si raggiunge in un’ora la Versilia e molto più distante Pisa con il suo aeroporto.

READ  Piani di gestione scadenti per i fiumi europei

Roca di Codepunta

La zona fu conquistata dai romani quando incontrarono l’antica popolazione paterna ligure. Più tardi, nel V secolo, vennero i Vandali e dopo di loro i Longobardi. La Lunigiana fu divisa all’inizio dell’Ottocento tra il Regno di Sardegna ei ducati di Modena e Parma e infine, per il momento, tra Toscana e Liguria.

kandala È una bella scoperta per i bagnanti selvaggi, tra le rovine e le foreste con l’odore dei fichi, e verme Sopra cascate e tra piscine naturali. Il sentiero inizia presso l’antico mulino Kandala e segue il letto del fiume su un sentiero panoramico attraverso un’incantevole valle. Una tappa consigliata è l’Osteria Candalla in provincia di Camaiore.

The Guardian “Non ci sono campi di girasoli in questa parte della Toscana settentrionale dove i cinghiali vagano liberi, finché non arrivano nel tuo piatto.”

Castelli tra terra e mare – Via Francigena

Nel Medioevo i Longobardi costruirono chiese, villaggi e nientemeno che 160 castelli La sua costruzione coincise con quella del vecchio via Francigena. Nati dall’esigenza di un collegamento sicuro tra il Regno di Pavia e il Ducato Meridionale, i castelli formavano una rete di fortificazioni di importanza strategica, economica e culturale.

verrucola

Qui passavano eserciti, vagabondi, pellegrini e religiosi diretti a Roma, Santiago de Compostela e Gerusalemme. Molte sono le leggende legate ai castelli della Lunigiana. Castello Fosdinovo Della famiglia Malaspina è una delle più belle, si trova al centro dell’omonimo borgo medievale. Anche il Castello di Malgrate a Villafranca era di proprietà di questa nobile famiglia, ed è possibile ammirare anche il Castello del Piagnaro a Pontremoli con le sue famose sculture “Stele” (vedi sotto).

Malgrate

L’elenco è lungo, da non dimenticare Castiglione del Terziere con la sua biblioteca storica, Castello di Treschietto; il Castello Malaspina di Carrara che ospita l’Accademia di Belle Arti di Carrara e il Castello di Castevoli; Castello Malaspina di Lusuolo con il Museo delle Migrazioni del Popolo Toscano. Il Castello Malaspina di Massa è uno dei più grandi castelli fortificati della Toscana. Se vuoi trovare orari di apertura e informazioni sui castelli, è meglio visitare questa pagina dal tuo sito web locale: https://www.terredilunigiana.com/castelli/castelliorari.php Oppure scarica il manuale (italiano) https://www.terredilunigiana.com/guidaterredilunigiana.pdf

READ  AFM: più tabù che obbligatorio

Acquedotto in rovina lungo il percorso

Gastronomia nella regione

Asciugare le castagne in camera

Se non ti piacciono i borghi medievali e i tanti castelli, puoi almeno goderti il ​​ricco patrimonio vinicolo e gastronomico della Lunigiana. corso di piatti da cucina povera Che è popolare, con ingredienti che provengono dalla regione, come castagne, cipolle, verdure assortite e, naturalmente, una ricca varietà di formaggi della regione.

Vista borgo medievale Malgrate

Sentiti libero di andare in una panetteria locale per un ristorante tradizionale TIl centro verdiano Il più noto è Pontremoli, cotto in ghisa con ca with 100 tipi erbe aromatiche. specialità locale tastaroli, Torte enormi tagliate a pezzi e servite con pesto o funghi di bosco. O semplicemente provane un po’ Panigacci de BodenzanaUn tipo di pane fatto di acqua e farina che viene cotto direttamente sul fuoco. Il Messa a fuoco È un tipo di pane simile alla focaccia ligure, e ne esistono molte varianti, ma di solito è fatto con farina di mais bianca o gialla. I migliori si trovano nelle regioni di Amola, Monti e Vaccareccia. A Vakarishya le è dedicato un intero festival estivo. essere visto https://it-it.facebook.com/focaccettevaccareccia/

testosterone

Lasagne al bastardo con farina di castagne

Le sfoglie di lasagne sono composte per il 50% da farina di castagne e per il 50% da farina bianca. È solo un esempio dei tanti piatti a base di castagne della Lunigiana, ma è uno dei più gustosi. La farina di castagne è molto importante in questa zona e ha salvato più volte la popolazione dalla fame. Il patona, Anche un tipo di pane a base di castagne della Lunigiana. Il nome deriva dalla frantumazione a mano per rendere l’impasto più sottile. Questo pane viene avvolto in foglie di castagno e cotto nel forno a legna, e mangiato con pancetta o ricotta.

READ  Analisi | Come Sainz ha mantenuto la Ferrari al vertice del centrocampo

fare patuna o Panigacio de Bodenzana

a partire dal Spongata Bisogna assaporarlo con il caffè, il pane dolce farcito viene dalla regione di Pontremoli e di solito lo si può ordinare nei maggiori caffè del centro. Alcuni dicono che risalga all’epoca romana, altri dicono che sia un incrocio tra mince pies inglesi e banforti. Se vuoi fare la Spongata, clicca Qui.

Statue stele – il simbolo della Lunigiana.

Lapidi a Pontremoli - © Franco Beccari

Il piccolo museo di storia al Castello del Piagnaro a Pontremoli mostra le famose statue Stele, le più antiche dell’intera penisola italiana e il misterioso patrimonio della Lunigiana. Sono statue che risalgono probabilmente al 3000 a.C. Sono statue di guerrieri con pugnali e realizzate in arenaria locale. Potrebbero aver rappresentato dei, dee ed eroi dei tempi delle antiche tribù liguri apuane ed etrusche. Una caratteristica distintiva sono le tipiche teste a forma di mezzaluna, divenute simbolo di tutto il territorio della Lunigiana.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24