NAM: Non c’è temporaneamente spreco di acqua nel suolo di Twente a causa del superamento dei valori limite chimici

Durante le misurazioni, NAM ha scoperto che c’era molto toluene chimico nelle acque reflue. Secondo l’azienda, si tratta di piccoli eccessi innocui delle quantità misurate.

Il fatto che la NAM abbia interrotto l’estrazione del petrolio e l’iniezione di acque reflue perché la società vuole rispettare i termini del permesso.

Il toluene, noto anche come metilbenzene, è un liquido chimico volatile. Viene utilizzato, tra l’altro, come diluente e come materia prima in chimica. Il toluene è il componente principale del brodo. È anche un componente della benzina ed è usato come solvente negli adesivi per pneumatici. Con l’esposizione prolungata ad alte concentrazioni, il toluene è dannoso e può causare problemi di memoria. A breve termine, il toluene è dannoso perché l’inalazione di grandi quantità può causare vertigini e nausea. La respirazione può renderti incosciente.

Nessuna estrazione di olio

Secondo un portavoce del NAM, il toluene si trova naturalmente in piccole quantità nei giacimenti di petrolio e gas, così come nel giacimento di gas in gran parte esaurito sotto Rossum. “I livelli di toluene nell’acqua di produzione sono circa 1 milionesimo del totale”.

Il superamento dei valori limite di toluene è stato riscontrato nelle acque reflue di Schoonebeek. Poiché NAM vuole continuare a operare rigorosamente entro i permessi, l’azienda è stata costretta a sospendere l’estrazione del petrolio a Schoonebeek. Ciò ha dato anche l’opportunità all’azienda di svolgere nel frattempo altre attività.

I dipendenti stanno ora applicando un rivestimento speciale al serbatoio di stoccaggio dell’acqua presso l’impianto di trattamento dell’olio di Schönebeck. Secondo il portavoce, è necessario un serbatoio di stoccaggio per ottenere una perfetta separazione tra l’olio estratto e le acque reflue.

READ  Due test PCR gratuiti per i belgi • Quasi 11 milioni di colpi effettuati

Problemi batterici nel sistema di tubi

Secondo il capo progetto Vincent van Engelen, l’applicazione della vernice non ha nulla a che fare con i batteri che si alimentano sulla parete in acciaio del sistema di tubazioni. Questo rivestimento ha il solo scopo di proteggere l’acciaio all’interno del serbatoio di stoccaggio e non ha nulla a che fare con la presenza di batteri”.

È noto da tempo che NAM si occupa di batteri persistenti nelle acque reflue, il che significa che il sistema di tubazioni fognarie è a rischio di perdite. Le acque reflue calde contengono anche molti solfati e residui acidi dell’acido solforico e dei suoi sali.

I batteri che riducono i solfati amano queste sostanze e sembrano essere molto difficili da combattere. Poiché questi batteri aderiscono alla parete interna in acciaio del sistema di tubazioni e si nutrono dell’acciaio, NAM ha già dovuto affrontare la perdita.

Questa perdita è stata scoperta nel 2015 nella condotta di trasmissione che trasporta le acque reflue da Schoonebeek a Twente. A quel tempo, anche l’estrazione dell’olio e quindi l’iniezione delle acque reflue furono interrotte per lungo tempo. NAM ha investito milioni in un nuovo sistema di tubazioni in plastica installato nei vecchi tubi. Ciò impedirebbe ai batteri di entrare in contatto con i tubi di acciaio.

prevenzione delle perdite

La vernice è stata usata in precedenza, ma ciò non ha aiutato a combattere i batteri che causano solfati. Ecco perché NAM allo stesso tempo ha sostituito le parti più importanti della composizione con acciaio inossidabile, poiché non c’è controllo sui batteri su un acciaio così duro. Van Engelen spera che questo intervento fornisca una soluzione nella lotta contro i batteri.

READ  RIVM classifica il virus RS come "pandemia" dopo 37 contagi in una settimana

NAM prevede che il problema del superamento dei valori soglia per il toluene venga risolto entro la fine di gennaio. Con piccoli aggiustamenti tecnici, NAM spera di poter riprendere l’estrazione del petrolio alla fine di questo mese. In questo caso, le acque reflue confluiranno immediatamente nel terreno di Twente.

La maggioranza dei parlamentari vuole fermare le iniezioni

La maggioranza alla Camera dei rappresentanti vuole che il ministro smetta di pompare acque reflue. Una proposta in merito è stata approvata a dicembre, ma il ministro dell’Economia non vuole attuarla. Secondo lui, Nederlandse Aardolie Maatschappij è vincolato dai termini della licenza e non ci sono motivi legali per interferire. Molti parlamentari sono rimasti delusi da questo e hanno posto di nuovo interrogazioni parlamentari.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24