“Nella visione del mondo prevalente, l'uomo è separato dalla natura. La conoscenza locale è più completa.”

Nel nord della Thailandia, Maria Tengu vide che gli studiosi potevano imparare una o due cose dagli indigeni. “Le persone della comunità locale di Hin Lad Nai hanno riferito di tenere alcune specie di api selvatiche negli alveari. Gli scienziati hanno detto: 'Questo non esiste. Queste api non possono essere tenute negli alveari.' Fino a quando non l'hanno visto con i propri occhi.”

Oltre alla conoscenza scientifica, ci sono anche altre fonti di conoscenza per risolvere i problemi ambientali, dice Tenjo, che a metà novembre ha tenuto il suo discorso inaugurale come professoressa con incarico speciale sulle relazioni uomo-natura nell'Antropocene presso l'Università e la Ricerca di Wageningen. Cerchi di riunire queste fonti e di lasciarle parlare tra loro. In Africa orientale, India, Brasile, Tailandia e Svezia. Vuole iniziare a trasformarsi.

Dice che la natura si sta deteriorando in tutto il mondo. Cita il Comitato Epps, il comitato scientifico delle Nazioni Unite sulla biodiversità. Quasi la metà degli ecosistemi terrestri e marini sono stati gravemente colpiti dalle attività umane negli ultimi 50 anni. Ha analizzato Ibis nel 2019. Piante e animali stanno morendo a un ritmo crescente. Il motore principale di questo declino, secondo Ibis, è la visione del mondo prevalente in cui l’uomo si pone al di sopra della natura e la usa a suo piacimento. Il profitto a breve termine e la crescita economica sono essenziali. Per invertire questo declino, la visione del mondo prevalente deve cambiare. Ibis ha scritto l'anno scorso.

READ  James Webb colpisce una minuscola meteora "più grande del previsto", ma funziona ancora - IT Pro - Notizie

Sono tante le iniziative per riavvicinare agricoltura e natura

Pensi che sia possibile cambiare questa immagine prevalente?

“Il modello attuale non è sostenibile. Lo vediamo in tutti i problemi che causa. Dobbiamo esplorare alternative, anche se non sappiamo dove andremo a finire. Quindi non penso solo a soluzioni tecniche, come le soluzioni artificiali carne. Ma ci sono anche opportunità per cambiare quella visione del mondo.” mainstream. Esistono altri modi di guardare e interagire con la natura. I popoli indigeni possono darci ispirazione. Puoi già trovare alternative in paesi come la Svezia e i Paesi Bassi. Ce ne sono molti iniziative per riunire nuovamente agricoltura e natura, oppure si pensi al movimento di rewilding, che reintegra nel paesaggio grandi animali e cacciatori, come i lupi.

“Con la mia sedia voglio unirmi a queste iniziative. Voglio facilitare dialoghi e incontri che evidenzino ancora di più altri aspetti del nostro rapporto con la natura.” Risorse-Lui pensa.”

I popoli indigeni si relazionano meglio con la natura?

“La ricerca mostra che vivono su più di un quarto del territorio mondiale e che queste aree ospitano l'80% di tutta la biodiversità. I ​​popoli indigeni non vivono solo di natura, come è la visione del mondo prevalente. Ma anche con e nella natura. loro stessi ne fanno parte”.

Questo è un altro esempio della visione problematica dell’uomo e della natura: la necessità di separarli

La scienza è aperta alla conoscenza locale?

“L'ostacolo principale è l'idea che la scienza debba convalidare e convalidare la conoscenza indigena e locale. Si ottiene un rapporto di potere ineguale. Ma sono sistemi di conoscenza diversi. La conoscenza indigena è più olistica. Nel nord della Tanzania, dove ho svolto la mia ricerca di dottorato, la terra è gestita come un ecosistema. Gli scienziati che sono venuti a misurare la produttività si sono limitati a guardare le due colture principali, mais e fagioli, e hanno detto: “Hmm, questo è deludente”. Mentre venivano coltivate anche verdure come le zucche e le erbe che gli scienziati chiamavano Inoltre, c'è stato un compromesso con le pianure, dove il terreno è più fertile, ma ci sono anche periodi di siccità più frequenti.Il sistema tiene quindi conto anche della sicurezza alimentare.

READ  Aspettatevi più rifugiati climatici nei prossimi anni: "Ha un impatto diretto sulla nostra economia"

“Uno squilibrio di potere può garantire che nessuno con conoscenze locali oserebbe contraddire uno studioso. Potrebbero anche avere difficoltà a trasferire la conoscenza. Ecco perché i seminari a piedi sono così importanti. Esci con i diversi gruppi. Se ti trovi nel luogo in cui è Il fatto è che puoi spiegare tutto molto meglio di quanto potresti fare in ufficio. Il mondo lo vede con i suoi occhi. Può porre domande più specifiche: perché hai piantato quella pianta lì e non qui?

Cosa è importante allora?

“Deve esserci rispetto per la conoscenza reciproca. Bisogna avere il coraggio di affrontare ed esplorare la fonte delle tensioni e dei conflitti. Questo spesso viene evitato.”

Il rispetto reciproco e il dialogo sono essenziali se si vuole andare avanti

funziona?

“Le cose spesso vanno ancora male. Ricordo l'esempio della Thailandia settentrionale di cui ho parlato all'inizio. Lì gli indigeni praticavano l'agricoltura a rotazione, piantando a turno i raccolti nelle aree forestali. Ma negli anni '90 gli alberi venivano abbattuti con il permesso dal governo. La maggior parte dei villaggi sono stati trasformati in ALTRE FORME DI AGRICOLTURA Ad eccezione di tre villaggi, volevano ripristinare la foresta, sulla base dei principi dell'agricoltura a rotazione. Ha funzionato magnificamente. La foresta è tornata. Coltivano riso in parte dell'area.Hanno campi a rotazione dove coltivano qualcosa per due o tre anni e poi lo lasciano a maggese per un po'.Ci sono alberi da frutto e caffè mescolati nella foresta.L'intero sistema è ricco di biodiversità e molto produttivo.

“È stato bello vedere come hanno reagito gli scienziati. Perché di solito danno meno valore a una foresta così restaurata rispetto alla foresta iniziale. Ma si sono divertiti e hanno apprezzato le storie. E cosa ha fatto dopo il governo? Vuole considerare il “L'area è una riserva naturale. Ciò significa che le persone devono andarsene”. Perché questo è un altro esempio della visione problematica dell'uomo e della natura: che dovrebbero essere separati. Stai negando che dipendiamo dalla natura. E che le persone e la natura possano funzionare insieme.

READ  Colpevole come il simbolo sbagliato della crisi climatica

Nei Paesi Bassi c’è molta pressione sull’agricoltura affinché cambi. Meno attenzione alla produzione, più natura. Come lo vedi?

“In Svezia ci stiamo muovendo nella stessa direzione. Questo cambiamento è urgentemente necessario. Ma è anche difficile, perché il governo ha guidato il sistema agricolo verso una maggiore produzione per decenni. E ora sta colpendo gli agricoltori che vanno in questa direzione dannosa”. Questo non è molto costruttivo Rispetto La reciprocità e il dialogo sono essenziali se si vuole andare avanti.

Terrete lezioni ai vostri studenti a Wageningen anche all'aperto?

“Questo sta già accadendo a Wageningen, e sono d’accordo con questo, ed è stato esplicitamente incoraggiato anche dalla Fondazione Natuurcollege, che ha creato la mia cattedra.

Hai qualche consiglio per guardare la natura in modo diverso?

“Il primo passo è pensare ai propri presupposti e rendersi conto che sono molto profondi.”



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24