Neuropsicologo preoccupato per la quarantena degli atleti a Tokyo

Si tratta di una perdita di identità, status e sicurezza. Tocca emotivamente il potere di ciò che troviamo prezioso in quel momento. La teoria descrive che la perdita per gli atleti in questo caso è due volte più emotivamente tassata rispetto alla vittoria di una medaglia d’oro”.



Leggi anche
Scoperto il primo caso di corona nel Villaggio Olimpico di Tokyo

Differenze culturali

Matser dice che molti problemi si incontrano. Ad esempio, le principali differenze culturali tra Asia e Nord Europa. I giapponesi mettono queste persone in completo isolamento. Ma sembrano non avere idea di cosa fare emotivamente con gli atleti. Nella loro visione e valori morali, vogliono il meglio per gli atleti partecipanti”.

Ci spiega una mentalità completamente diversa. Al momento non ne tengono conto. Altrimenti forse no. Tokyo è sopraffatta da Corona e deve fare i conti con un grande evento. Noi in Olanda non lasciamo passare i quattro giorni”.


Una miniatura della squadra di ginnastica olimpica olandese in quarantena dopo essere risultata positiva
Leggi anche
La squadra olimpica olandese di ginnastica è in quarantena dopo essere risultata positiva

“Era tutto per niente”

Matser dice che l’approccio giapponese è chiaro. “Pensano di poter ottenere qualcosa dalle Olimpiadi proteggendo completamente tutti. Ma per la popolazione e i politici, è un festival sportivo che non dovrebbe accadere. È così che ci sono. Poi succede il coronavirus e si avvicinano molto in modo diverso da come lo facciamo noi. Non possiamo dire Quello. *NSF avrebbe dovuto saperlo? Oh, avremmo dovuto sapere molto.”

Matser ha descritto come altamente plausibile che il NOC*NSF avrebbe predisposto linee guida per gli atleti in quarantena. “Il loro mondo è crollato in una frazione di secondo. Tutto ciò che ho fatto per quattro anni è stato inutile. Ciò richiede anche mesi di supervisione una volta tornati a casa. Non si limitano a superare questo. La possibilità che questi atleti siano mentalmente in grado di partecipare Il Mondiale di settembre secondo me è una chance molto piccola, solo quando tornano a casa possono iniziare la vera cura”.

READ  Gli astronomi stanno cercando lune al di fuori del nostro sistema solare, con risultati interessanti

emotivamente pesante

Confronta Matser con le vittime delle inondazioni, di recente nel Limburgo, per esempio. “Le persone che hanno perso la loro compagnia da un momento all’altro, o peggio. Qualcosa che non vedi davvero arrivare. Soprattutto le cose che accadono al di fuori di te hanno un impatto enorme. Emotivamente non siamo resilienti. “

Atleti come il ciclista Matthew van der Poel vedono fallire la loro missione olimpica a causa di un incidente. “Ineguagliabile”, dice Matser. “Se non dipendesse da te, come con gli atleti infortunati, la frustrazione è mille volte peggiore. Van der Poel potrebbe essere contento di non essersi rotto il collo. La sua caduta la chiamo stupidità e ignoranza. Questo è molto più facile da affrontare emotivamente che affrontare una causa esterna per esclusione”.

prigione

La parola prigione può essere usata in relazione alla quarantena a Tokyo? Matser: “Io vivo così. Sei seduto da qualche parte e non puoi andartene. Questa è una prigione. Alcuni atleti agiscono per passione, altri agiscono per perfezione. È ancora più difficile per l’ultimo gruppo. Loro reagiscono con più forza al fatto che il loro sogno è improvvisamente finito. Poi entrano in questo “sistema carcerario”. Non riescono a spiegarlo. Tutto è improvvisamente diverso di 180 gradi”.


Miniatura di tre persone della stessa squadra risultate positive al Villaggio Olimpico, nessun olandese
Leggi anche
Tre persone della stessa squadra sono risultate positive in un villaggio olimpico, nessun olandese

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24