Perché il mondo sta affrontando una crisi energetica globale?

La carenza di elettricità ha interrotto l’illuminazione stradale e le fabbriche chiuse in Cina. I poveri in Brasile scelgono tra pagare il cibo o l’elettricità. Gli agricoltori tedeschi di mais e frumento non riescono a trovare fertilizzanti alimentati a gas naturale. Cresce la preoccupazione che l’Europa debba razionare l’elettricità quando l’inverno si fa freddo.

Una crisi energetica sta investendo il mondo: forti pressioni su alcuni dei principali mercati di gas naturale, petrolio e altri combustibili che sostengono l’economia globale e per l’illuminazione e il riscaldamento delle case. Con l’avvicinarsi dell’inverno, ciò ha portato a bollette energetiche più elevate, costi di prodotto più elevati e crescenti preoccupazioni su come l’Europa e la Cina, che consumano energia, si riprenderanno dalla pandemia di COVID-19.

L’aumento dei costi energetici è un altro punto di pressione per le imprese e i consumatori che stanno già lottando con prezzi più alti a causa della catena di approvvigionamento e dei vincoli di manodopera.

La più grande spinta al gas naturale è in Europa, che importa il 90 percento della sua offerta – in gran parte dalla Russia – con prezzi cinque volte superiori a quelli di inizio anno, a € 95 ($ 136 CAD) da circa € 1. 19 (27 dollari canadesi) per megawattora.

“Stiamo iniziando a soffrire molto”

Sta gravemente danneggiando la filiera alimentare italiana poiché si prevede di aumentare di sei volte i prezzi del metano e aumentare il costo dell’essiccazione del grano. Ciò potrebbe eventualmente aumentare il prezzo del pane e della pasta nei supermercati, ma le corsie di carne e latticini sono più vulnerabili poiché gli allevatori di carne e latticini devono pagare di più per il grano per nutrire i loro animali e trasferire il costo sui clienti.

READ  Il capocannoniere Casiera vive in Russia e porta la squadra alla vittoria

“Abbiamo sofferto molto da ottobre”, dice Valentino Mioto dell’associazione AIRES che rappresenta il settore cerealicolo.

Visualizza | La Russia accusata di fare politica con le esportazioni di gas in Europa:

La Russia è stata accusata di fare politica nelle esportazioni di gas verso l’Europa

La Russia nega di impegnarsi in politica bloccando le esportazioni di gas verso l’Europa occidentale e affrontando le carenze. 2:05

Gli analisti incolpano una combinazione di eventi per la crisi del gas: la domanda è aumentata mentre l’economia si riprendeva dalla pandemia. I freddi inverni hanno esaurito le riserve, poi in estate i venti hanno soffiato meno del solito, tanto che le turbine eoliche non hanno generato la potenza prevista. La russa Gazprom, il principale fornitore europeo, ha sospeso ulteriori scorte estive così come i suoi contratti a lungo termine per ricostituire le sue riserve domestiche per l’inverno. La domanda di elettricità in Cina è di nuovo in aumento, drenando forniture limitate di GNL, che viene trasportato via nave anziché tramite gasdotto. Ci sono anche strutture limitate per esportare gas naturale dagli Stati Uniti.

L’aumento del costo del gas naturale ha fatto salire i prezzi del petrolio poiché alcuni produttori di energia in Asia potrebbero passare dall’uso del gas ai prodotti a base di petrolio. Il prezzo del greggio statunitense ha superato gli 83 dollari al barile, il livello più alto degli ultimi sette anni, mentre il benchmark internazionale per il petrolio Brent si aggira intorno agli 85 dollari, con l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio e paesi collegati cauta nel riprendersi dai tagli alla produzione avvenuti durante la pandemia.

READ  Honda soddisfatta dopo venerdì in Spagna: 'giornata semplice, tutto è filato liscio'

È probabile che la crisi sia di breve durata, ma la durata è sconosciuta

Claudia Kimfert, economista energetica presso l’Istituto tedesco per la ricerca economica di Berlino, ha affermato che la crisi sarà probabilmente di breve durata, ma è difficile dire quanto dureranno i prezzi elevati dei combustibili fossili.

Ma “la risposta a lungo termine per fare a meno di questo è investire nelle energie rinnovabili e nel risparmio energetico”, ha affermato.

La scorsa settimana il Comitato Esecutivo dell’Unione Europea ha esortato gli Stati membri ad accelerare l’approvazione dei progetti di energia rinnovabile, come l’energia eolica e solare, affermando che “la transizione verso l’energia pulita è la migliore assicurazione contro i futuri shock dei prezzi e dovrebbe essere accelerata”.

Nel frattempo, alcune industrie europee dipendenti dal gas stanno tagliando la produzione. Le aziende chimiche tedesche BASF e SKW Piesterritz hanno ridotto la produzione di ammoniaca, un componente importante dei fertilizzanti.

Non c’è nessun prodotto e nessun prezzo

Ciò ha lasciato Hermann Gref, un agricoltore nel villaggio di Pinzberg nella regione della Baviera meridionale della Germania, inaspettatamente a mani vuote quando ha cercato di ordinare fertilizzanti per il prossimo anno.

“Non c’è nessun prodotto, nessun prezzo, nemmeno un contratto”, ha detto. “È una situazione che non abbiamo mai visto prima”. Una cosa è certa: “Se non do alle colture il cibo di cui hanno bisogno, risponderanno con rendimenti inferiori”.

Gli agricoltori camminano tra le risaie a Locate di Triulzi, alla periferia di Milano, in Italia, ad agosto. I problemi energetici globali hanno afflitto gli agricoltori italiani. (Antonio Kalani/The Associated Press)

I prezzi più alti dell’energia stanno già colpendo gli agricoltori della zona, che hanno bisogno di diesel per far funzionare i macchinari e di riscaldamento per tenere al caldo gli animali, ha affermato Grave, che coltiva mais per gestire una centrale elettrica che alimenta la rete con energia a emissioni zero.

Allo stesso modo, in Italia, secondo la Grain Association, si prevede che i costi energetici per la lavorazione del grano e del mais aumenteranno di oltre il 600 per cento nei tre mesi fino al 31 dicembre.

fluttuazioni il prossimo anno

Giampetro Scosato, il consulente energetico che negozia i contratti per l’Associazione AIRES e altri, prevede una continua volatilità e aumenti dei prezzi nel prossimo anno.

I prezzi più alti dell’energia si insinuano anche nella produzione di pane e pasta attraverso i costi di trasporto e il consumo di elettricità, che potrebbero eventualmente influenzare i prezzi al dettaglio. I reparti lattiero-caseari e della carne sono particolarmente a rischio perché i prezzi sono ora bassi e gli agricoltori potrebbero dover trasferire l’alto costo dei mangimi agli acquirenti.

Anche le persone di tutto il mondo stanno affrontando un aumento delle bollette energetiche questo inverno, compresi gli Stati Uniti, dove i funzionari hanno avvertito che i prezzi del riscaldamento domestico potrebbero aumentare fino al 54%. I governi di Spagna, Francia, Italia e Grecia hanno annunciato misure per aiutare le famiglie a basso reddito, mentre l’Unione Europea ha spinto per aiuti simili.

Molto dipende dal tempo. Le riserve di gas in Europa, che di solito vengono ricostituite in estate, sono insolitamente basse.

Il freddo inverno potrebbe ridurre a zero le riserve europee

“Gli inverni freddi sia in Europa che in Asia potrebbero rischiare che i livelli di stoccaggio dell’Europa scendano a zero”, ha affermato Massimo de Oduardo della società di ricerca Wood Mackenzie.

Ciò renderebbe l’Europa dipendente da ulteriore gas naturale proveniente dal gasdotto russo appena completato o dalla volontà della Russia di inviare più gasdotti attraverso l’Ucraina. Ma il nuovo gasdotto Nord Stream 2 non è stato ancora approvato dalle autorità di regolamentazione in Europa e potrebbe non trasportare gas fino al prossimo anno.

I rimorchiatori sono disposti a bordo della nave russa per la posa di gasdotti Fortuna nel porto di Wismar, in Germania, a gennaio. Le riserve di gas naturale in Europa che sono state esaurite lo scorso inverno non si sono ancora formate e la Russia, uno dei principali fornitori, ha ostacolato la fornitura di più gas. (Jennis Buettner/DPA/AP)

In Cina, i blackout sono stati seguiti dall’aumento dei prezzi del carbone e del gas poiché le compagnie elettriche hanno ridotto la capacità a causa delle restrizioni sui costi per i clienti o dei contratti governativi per rimanere al di sotto delle soglie di emissione.

Le consegne di Natale potrebbero subire ritardi

Le fabbriche nella provincia di Jiangsu, a nord-ovest di Shanghai, e nello Zhejiang nel sud-est, sono state chiuse a metà settembre e dozzine hanno avvertito che le consegne potrebbero essere ritardate prima della stagione degli acquisti natalizi.

Joanna Lan, direttore generale, ha affermato che la fabbrica di gioielli di Shenzhen a Dongyang, una città nello Zhejiang, ha subito un’interruzione di corrente di 10 giorni. La fabbrica produce fasce per capelli, articoli di cancelleria e regali aziendali ed esporta dall’80 al 90% della sua merce negli Stati Uniti, in Europa e in altri mercati.

Lan ha detto che le consegne sono state ritardate “almeno una settimana”. “Abbiamo dovuto comprare i generatori.”

Shenyang, la più grande città del nord-est, ha spento luci stradali e ascensori per diverse ore al giorno e ha tolto l’elettricità a ristoranti e negozi.

“Io non so cosa fare”

In Brasile, l’aumento dei prezzi del gas e del petrolio è stato esacerbato dalla peggiore siccità degli ultimi 91 anni, che ha lasciato gli impianti idroelettrici incapaci di fornire elettricità e bollette costose.

Rosa Pinta, 67 anni, di un quartiere popolare di San Paolo, teme di non poter più occuparsi dei figli e dei nipoti disoccupati.

“Non so cosa faremo delle nostre vite”, ha detto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24