Perché Verstappen vede la Mercedes come una grande opzione in Italia

Sul circuito Super-Fast Monza, i piloti corrono su asfalto quando si qualificano ad una velocità media di 265 km/h. Ci sono solo pochi angoli alla rotonda. Polli, Lesmos, Askari e Parabolica. Per il resto è a tutto gas nell’orbita monzese, dove Max Verstappen non compare all’interno del pezzo.

Il quinto posto è la migliore decisione di Verstappen nel GP d’Italia. È unico per il record dell’olandese che era sul palco in ogni round. Quinto su sei tentativi. Dodicesimo, settimo, decimo, quinto, ottavo e un ritiro: questi non sono i risultati che ti aspetti in Verstappen e Red Bull.

Negli ultimi anni la Red Bull e la Honda Monza hanno avuto il terrore del round. Quest’anno è tutto diverso, ma c’è ancora la paura che la squadra si guardi indietro. Il motore Honda non è ancora compatibile con il motore Mercedes, che si trova anche sul retro della McLaren di Lando Norris e Daniel Ricciardo.

Controllo dei danni, Questa parola è stata menzionata molte volte prima. Verstappen lo riconosce in un’intervista a Racing News 365. “E’ una gara molto difficile per noi sulla carta, ma vedremo. Difficile dire come stiamo ora. Non mi aspetto che sarà un weekend come quello di Jonward, ma spero che ci andiamo vicino”.

Verstappen non vuole accettare un ruolo arretrato, ma punta alla storia di Monza. La Red Bull non compare mai nei documenti. “A volte è così vicino l’uno all’altro. A volte siamo davanti, a volte Mercedes è davanti a noi. Questo fine settimana non è mai stato migliore per noi”.

“Penso che andrà bene con la macchina e il motore che abbiamo. Ma mi aspetto che la Mercedes faccia bene”.

READ  Il Vaticano vuole emendare la legge italiana contro l'omosessualità

Un’aspettativa, guardando i risultati dal 2014, è ragionevole. La Mercedes ha vinto cinque volte negli ultimi sette anni e la scorsa stagione anche Lewis Hamilton è apparso sulla pista vincente, fino a quando una penalità non lo ha respinto.

Tutto ruota intorno alla potenza meccanica e alle prestazioni del sistema ibrido. Quest’ultimo è il tallone d’Achille del motore Honda del passato. La vera prova attende Monza: a bordo ci sono abbastanza cavalli? Il sistema ibrido si carica abbastanza velocemente da fornire la massima potenza extra in ogni giro? Se non fosse per questo, Verstappen non avrebbe alcuna possibilità.

Tuttavia, il motore Mercedes è sotto la lente d’ingrandimento. La FIA ha indicato aumenti “inspiegabili” di accelerazione e differenze di potenza durante la gara. A Monza la competizione seguirà da vicino il comportamento del motore Mercedes.

Per quanto riguarda le squadre, Monza è un’altra persona. Questo è un circuito a bassissima deportanza, ma la vettura deve avere abbastanza deportanza per ottenere il meglio da Lesmos, Askari e Parabolica. Inoltre, l’auto deve essere adeguatamente bilanciata in curva e in frenata.

Verstappen spiega come il sistema a basso carico aerodinamico influisca sull’auto: “La frenata diventa dura, ma tira attraverso i dossi. Il sistema di pista sembra molto semplice, ma non tutto è facile da prendere in un giro qui. E le gomme si surriscaldano. Tutto ha riunirsi in un giro superiore.”

L’olandese si aspetta di perdere nell’intervista: “Questo non è il nostro percorso migliore, ma è legato all’alta velocità. Penso che sarà migliore degli altri anni, ma non sarà nel Jordward dove eravamo prima della Mercedes”.

Nel 2020, Pierre Casley ha battuto il Crazy GP d’Italia sulla sua Alfadori-Honda. Il fornitore di motori giapponese sarà felice di continuare questo successo. Tuttavia, Verstappen sarà felice se sarà sul palco domenica pomeriggio. Qualsiasi posizione superiore alla terza gli sembrerebbe un puro profitto.

READ  Gli incendi in Grecia e in Italia hanno causato tre vittime

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24