Scopri lo sviluppo della malattia di Alzheimer nel cervello

Grappoli di proteine ​​tossiche, ritenute responsabili del declino cognitivo del morbo di Alzheimer, raggiungono varie parti del cervello e vi si accumulano per decenni. Questo è secondo un nuovo studio pubblicato venerdì.

Articolo pubblicato su progresso scientificoÈ il primo a utilizzare i dati umani per valutare i processi molecolari che portano alla malattia neurodegenerativa. Può influenzare il modo in cui vengono sviluppati i trattamenti.

Confuta la teoria secondo cui le aggregazioni si formano in un luogo e innescano una reazione a catena in altri, un modello visto nei topi. I ricercatori dicono che tale diffusione può verificarsi, ma non è il fattore principale.

“Due cose lo hanno reso possibile”, ha detto George Maisel, chimico dell’Università di Cambridge e uno degli autori principali del documento di ricerca. “In primo luogo, studiando i dati molto dettagliati delle scansioni PET e vari set di dati aggregati e i modelli matematici che sono stati sviluppati negli ultimi 10 anni”.

I ricercatori hanno utilizzato 400 campioni di cervello prelevati dopo la morte di persone con malattia di Alzheimer e 100 scansioni PET di persone che convivono con la malattia per monitorare l’aggregazione della proteina tau. La tau e un’altra proteina, l’amiloide-beta, si accumulano, causando la morte delle cellule cerebrali e il restringimento del cervello. Ciò causa la perdita di memoria e l’incapacità di svolgere le attività quotidiane.

La malattia è un grave problema di salute pubblica, che colpisce oltre 40 milioni di persone in tutto il mondo.

I ricercatori hanno anche scoperto che occorrono cinque anni prima che il numero di grumi (proteine ​​a grumi) raddoppi. Maisel dice che questo è un numero “incoraggiante” perché mostra che i neuroni (o neuroni) sono effettivamente in grado di combattere le aggregazioni. “Forse se possiamo migliorarlo un po’, possiamo ritardare significativamente l’insorgenza di malattie gravi”.

READ  Coronablog - Il primo ministro de Croo e 4 ministri sono in quarantena dopo aver incontrato il primo ministro francese, risultato positivo

La malattia di Alzheimer è classificata secondo gli “stadi BRAC”. Gli scienziati hanno scoperto che occorrono circa 35 anni per passare dallo stadio 3, che è caratterizzato da sintomi lievi, allo stadio 6, che è lo stadio più avanzato. I totali crescono in modo esponenziale, ha detto Maisel, il che spiega “perché ci vuole così tanto tempo prima che la malattia si sviluppi e perché le persone tendono a peggiorare rapidamente”.

Il team di ricerca vuole applicare gli stessi metodi allo studio del trauma cranico e della demenza frontotemporale, in cui anche la proteina tau svolge un ruolo.

Il documento, pubblicato su Science Advances, è il primo ad utilizzare i dati umani per determinare la velocità dei processi molecolari che portano alla malattia neurodegenerativa. Può influenzare il modo in cui vengono sviluppati i trattamenti. Confuta la teoria secondo cui le aggregazioni si formano in un luogo e innescano una reazione a catena in altri, un modello visto nei topi. I ricercatori dicono che tale diffusione può verificarsi, ma non è il fattore principale. “Due cose lo hanno reso possibile”, ha detto George Maisel, chimico dell’Università di Cambridge e uno degli autori principali del documento di ricerca. “In primo luogo, studiando i dati molto dettagliati delle scansioni PET e vari set di dati aggregati e i modelli matematici che sono stati sviluppati negli ultimi 10 anni”. I ricercatori hanno utilizzato 400 campioni di cervello prelevati dopo la morte di persone con malattia di Alzheimer e 100 scansioni PET di persone che convivono con la malattia per monitorare l’aggregazione della proteina tau. La tau e un’altra proteina, l’amiloide-beta, si accumulano, causando la morte delle cellule cerebrali e il restringimento del cervello. Ciò causa la perdita di memoria e l’incapacità di svolgere le attività quotidiane. La malattia è un grave problema di salute pubblica, che colpisce oltre 40 milioni di persone in tutto il mondo. I ricercatori hanno anche scoperto che occorrono cinque anni prima che il numero di grumi (proteine ​​a grumi) raddoppi. Maisel dice che questo è un numero “incoraggiante” perché mostra che i neuroni (o neuroni) sono effettivamente in grado di combattere le aggregazioni. “Forse se possiamo migliorarlo un po’, possiamo ritardare significativamente l’insorgenza di malattie gravi”. La malattia di Alzheimer è classificata secondo gli “stadi BRAC”. Gli scienziati hanno scoperto che occorrono circa 35 anni per passare dallo stadio 3, che è caratterizzato da sintomi lievi, allo stadio 6, che è lo stadio più avanzato. I totali crescono in modo esponenziale, ha detto Maisel, il che spiega “perché ci vuole così tanto tempo prima che la malattia si sviluppi e perché le persone tendono a peggiorare rapidamente”. Il team di ricerca vuole applicare gli stessi metodi allo studio del trauma cranico e della demenza frontotemporale, in cui anche la proteina tau svolge un ruolo.

READ  I "laghi sotterranei" di acqua liquida su Marte stanno diventando più probabili

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24