Sempre meno bambini vaccinati: ‘Stiamo vedendo tornare le malattie’ | Problemi finanziari

Questo calo non suona troppo allarmante, ma secondo Jane Marie Hamnet, direttrice del programma nazionale di immunizzazione del RIVM, è sicuramente importante aumentare di nuovo il tasso di vaccinazione. Preferiamo vederne l’ascesa, non il declino. Ad esempio, guarda il morbillo. Ciò richiede un tasso di copertura del 95% secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. In Olanda ora siamo al 92%”.

Il morbillo all’inizio sembra innocuo, ma quando molti bambini lo prendono, secondo Hamnett, spesso ci sono dei decessi tra di loro. “Negli ultimi anni siamo stati sulla buona strada per eliminare il morbillo dal mondo, ma poiché molti programmi di vaccinazione in tutto il mondo sono stati interrotti durante la pandemia di COVID-19, stiamo assistendo a una recrudescenza di malattie, incluso il morbillo”.

Anche il ritorno della poliomielite

La poliomielite è un altro esempio di malattia che ritorna. Non ancora nei Paesi Bassi, ma in Ucraina, Africa e Medio Oriente. Non ci sono, infatti, limiti alle malattie infettive. Anche se è ovviamente importante che ogni paese abbia il proprio programma di vaccinazione”, afferma Hamnett.

La pandemia di coronavirus ha avuto un impatto sul regolare programma di vaccinazione. “Le vaccinazioni di massa sono state posticipate e le persone spesso non possono venire perché sono state messe in quarantena a casa. Di conseguenza, gli appuntamenti per le vaccinazioni vengono persi. Ma anche se sono incluse le vaccinazioni somministrate prima del solito, la copertura vaccinale per la maggior parte delle vaccinazioni è ancora leggermente inferiore a un anno fa Per i bambini fino a 2 anni, la differenza è ancora di circa 1 punto percentuale, per i bambini più grandi è di 1-2 punti percentuali.

READ  Famoso virologo Peter Piot: È il momento della scala Corona

Più domande

Allo stesso tempo, i giovani medici di GGD notano che ci sono state molte domande sulle vaccinazioni dalla pandemia di Corona. “I genitori vengono molte volte per fare le vaccinazioni da quando il loro bambino ha poche settimane fino al liceo. Prima della corona non avevo domande a riguardo. È davvero diverso ora”, afferma Roslin van der Toren, medico giovanile di JGD Hollands Fanciulla a Katwick, i genitori sono pieni di domande”.

Van der Toren applaude per le domande. “Più domande ci sono, meglio è. Quindi possiamo informare adeguatamente i genitori”. Molte domande legate al corona. I genitori vogliono sapere se le vaccinazioni hanno qualcosa a che fare con la corona. C’è molta resistenza a questo. C’è molta sfiducia”. “Per fortuna spesso possiamo rassicurare i genitori e decidere di vaccinare i loro figli”.

quartieri dentro

All’AJN Association of Young Physicians, considerano il basso tasso di vaccinazione un segno che “tutto deve essere controllato”. “Durante la pandemia, c’è stato un arretrato di programmi di vaccinazione nel mondo. Ora viaggeremo di nuovo. E questo aumenta di nuovo il rischio di focolai. Siamo certamente preoccupati per questo”, afferma Astrid Neelen, presidente di AJN. ritiene che sia importante implementare più personalizzazione.” “Non possiamo semplicemente sederci e rilassarci finché i genitori non vengono da noi con i loro figli. Andiamo in quartieri dove il tasso di vaccinazione è più basso, come in alcune città e nella Bible Belt, così possiamo informare le persone in modo più specifico e avviare una conversazione con loro sulle vaccinazioni volontarie. “

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24