Temperatura corporea media 37 gradi obsoleta

Si scopre che la temperatura corporea delle persone di 37 gradi è un’idea obsoleta. Oggi, gli esperti discutono se i medici debbano iniziare a utilizzare valori diversi durante il trattamento dei pazienti.

“Tutti pensano che la temperatura corporea media sia di 37 gradi Celsius. Ma si basa su misurazioni molto antiche del 19° secolo”, afferma il cardiologo Luke Otterspur nel documento. Radio NOS 1 Notizie† “Negli ultimi decenni la temperatura è scesa. In media ora è di 36,4 gradi”.

Ne parlano oggi medici con una vasta esperienza nel campo del raffreddamento e del riscaldamento al Simposio internazionale sulla gestione dell’ipotermia e della temperatura a Eindhoven. Otterspoor organizza la conferenza con il Catharina Hospital.

Sifilide

La temperatura è diminuita in parte perché le persone sono diventate più sane durante il 20° secolo. Ottersbourg: “Penso che ci fossero più malati in giro nel 19° secolo, quindi forse la temperatura media era più alta”. Cita la sifilide come un esempio che può essere ben curato con gli antibiotici oggi, ma non ancora.

Otterspur non può dire se il cambiamento della temperatura media porti ad altri trattamenti. Ma pensa che i medici dovrebbero esserne consapevoli. “Parleremo di questo tipo di valori e se dobbiamo adattarli oggi”. Questo potrebbe portare a una visione diversa di quando avevi la febbre.

Ma è difficile dire se c’è davvero la febbre, dice il cardiologo. “Solo in terapia intensiva questa è ben definita come una temperatura di 38,4 gradi o superiore, ma nella pratica generale oa casa è difficile da determinare”. Un’altra difficoltà, dice, è che gli anziani, per esempio, sono malati, ma non hanno la febbre.

READ  Le scimmie sviluppano cellule simili al Parkinson dopo l'infezione da corona. Cosa significa questo per le persone?

Raffreddamento dopo arresto cardiaco

Nel suo campo, Otterspur è coinvolto nel raffreddamento dei pazienti dopo un arresto cardiaco. “Se qualcuno va in arresto cardiaco e il sangue ricomincia a fluire, il cervello non ha ossigeno per un po’. Poi si sviluppa gonfiore, ma non c’è nessun posto dove andare nel cranio. Ecco perché è nata l’idea di aggiungere raffreddamento anche a questi pazienti .”

Questo metodo era ampiamente utilizzato all’inizio di questo secolo, ma secondo lui ora è visto in modo diverso. “La gente torna un po’ sull’argomento e dice che non è importante che si calmi di per sé, ma che tenga questi pazienti lontani dalla febbre”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24