Tre quarti dei bambini che praticano sport subiscono abusi

© Shutterstock

Tre quarti dei bambini che praticano sport sono stati vittime di abusi psicologici o fisici. I ragazzi avevano maggiori probabilità di essere presi di mira rispetto alle ragazze. Lo dimostra un sondaggio di opinione di oltre 10.000 persone in sei paesi europei, pubblicato sabato. Gli abusi sembrano verificarsi più spesso in Belgio, dall’80% degli intervistati.

Lawrence TurkFonte: belga

Per lo studio, i ricercatori guidati da Mike Hartel della Edge Hill University nel Regno Unito e Bettina Rolovs della Bergisch Universität Wuppertal in Germania hanno intervistato 10.302 adulti di età compresa tra i diciotto ei 30 anni provenienti da Belgio, Germania, Austria, Romania e Spagna. e il Regno Unito. Viene discussa un’ampia gamma di comportamenti che possono essere dannosi per gli atleti, dal bullismo verbale all’abuso sessuale fino alla negligenza.

Il 65 percento di tutti gli adulti intervistati ha indicato di aver subito violenza psicologica da bambino e il 44 percento è stato vittima di violenza fisica in un ambiente sportivo da bambino. Il 37 percento degli intervistati ha sperimentato negligenza e il 20 percento ha riferito di aggressioni sessuali. La violenza si è verificata almeno tra i partecipanti che praticavano sport ricreativi (68 percento) e la maggior parte dei partecipanti che gareggiavano a livello internazionale (84 percento). I bambini delle minoranze etniche avevano, al 76,9 per cento, maggiori probabilità di essere vittime di abusi.

Per la prima volta a Bruxelles e in Vallonia

Questo studio è il primo ad esaminare gli episodi di violenza contro i bambini nello sport a Bruxelles e in Vallonia. Già nel 2016 è stato pubblicato uno studio sulla situazione nelle Fiandre. Per lo studio sono stati intervistati sia atleti di lingua olandese nelle Fiandre che atleti di lingua francese di Bruxelles e della Vallonia. In Belgio, la violenza contro i bambini – l’80% degli intervistati – era la più comune, in Austria – il 70% degli intervistati – la meno. Questo paese è anche l’eccezione alla constatazione che i ragazzi hanno un’alta probabilità di diventare vittime.

Per ogni forma di abuso e violenza, i numeri sembrano essere comparabili nei diversi paesi, il che significa che il problema non è specifico di un particolare paese. Sebbene la maggior parte degli intervistati (85%) abbia valutato positivamente le proprie esperienze sportive come bambini, la ricerca mostra che gli ambienti sportivi non sono immuni alla violenza contro i bambini. Tre quarti degli intervistati hanno indicato di aver subito violenza in un ambiente sportivo almeno una volta prima di raggiungere l’età di diciotto anni. “Questa ricerca ci aiuta a comprendere meglio la portata del problema”, afferma il professor Hartell dei risultati, descrivendolo come “estremamente preoccupante”.

“Purtroppo, i nostri risultati indicano un’industria che ha fatto molto poco per affrontare le questioni profondamente radicate all’interno dello sport. Coloro che governano lo sport in Europa devono fare molto di più che scrivere una politica. Le radici del problema risiedono nella natura delle relazioni “, ha detto il professor Hartl. tra adulti e bambini nello sport.” Spera che la ricerca sia un “buon punto di partenza per un cambiamento culturale all’interno dello sport”.

READ  Il virus del raffreddore sta facendo il suo apice nel reparto pediatrico dell'ospedale di Bravis

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24