Un gran numero di elementi costitutivi della vita si trova intorno a stelle molto giovani

Si suggerisce cautamente che anche molti altri pianeti siano manipolati alla nascita delle molecole organiche che alla fine hanno dato origine alla vita qui sulla Terra.

Gli astronomi hanno esaminato i dischi protoplanetari di alcune stelle molto giovani in un nuovo studio. Questi sono i dischi piatti di polvere e gas attorno a una giovane stella dove i pianeti vedono la luce del giorno. I ricercatori sono stati in grado di mappare le sostanze chimiche nelle “stanze dei bambini” con dettagli senza precedenti. Si scopre che i dischi del pianeta pullulano di molecole organiche.

Come si formano i pianeti?
Quello che sappiamo finora è che la maggior parte dei pianeti si forma quando una nube molecolare collassa in una giovane stella. Il sistema inizia a ruotare un po’ più velocemente e si forma un disco piatto attorno alla piccola protostella; Disco protoplanetario. Nei successivi milioni di anni, le particelle nel disco si scontrano, causando l’aggregazione di queste particelle in corpi sempre più grandi. Ed è così che nascono i pianeti (vedi anche l’immagine sotto).

Illustrazione dei primi passi della formazione del pianeta. In alto a sinistra: un disco protoplanetario costituito da particelle di gas e polvere. Sotto: queste molecole si aggregano per formare grumi sempre più grandi. In alto a destra: questo alla fine porta a pianeti attorno a una giovane stella. Foto: Daria D. Olio.

Gli scienziati sospettano che la nostra giovane Terra sia stata bombardata dai mattoni della vita dagli impatti di asteroidi e comete. Questi potrebbero essersi formati nel disco protoplanetario attorno al nostro sole. Ma gli scienziati non erano sicuri che tutti i dischi protoplanetari contenessero molecole organiche complesse da cui sarebbe potuta nascere la vita.

READ  Aggiunte informazioni sulle varianti dei virus alla dashboard | notizia

studio
Per scoprirlo, i ricercatori hanno utilizzato il telescopio ALMA per studiare cinque dischi protoplanetari situati tra 300 e 500 anni luce dalla Terra. I ricercatori stavano specificamente cercando tre molecole, vale a dire cianoacetilene (HC3N), acetonitrile (CH3CN) e ciclopropenilidene (c-C3H2). Alla fine, dopo uno studio di due anni, i ricercatori hanno fatto una scoperta sorprendente. “Questi dischi che formano pianeti pullulano di molecole organiche, alcune delle quali sono implicate nell’origine della vita qui sulla Terra”, ha affermato la ricercatrice Karin Oberg.

Sono stati studiati i quattro dischi protoplanetari e le loro proprietà. Foto: d. JDIlee / Università di Leeds

I ricercatori hanno trovato le particelle in quattro dei cinque dischi osservati. Inoltre, le particelle sembrano essere abbondanti. Anche in misura maggiore di quanto la squadra si aspettasse.

I mattoni fondamentali della vita
Ciò significa che la maggior parte dei dischi protoplanetari studiati contiene un gran numero di elementi costitutivi della vita. Quindi forse la Terra non è così unica come a volte pensiamo. Perché lo studio indica con cautela che anche molti altri pianeti sono stati trattati alla nascita con le molecole organiche che alla fine hanno dato origine alla vita qui sulla Terra. Quindi le condizioni chimiche di base necessarie possono verificarsi su scala molto più ampia nella Via Lattea. “Questo è davvero eccitante”, dice Oberg. “Le sostanze chimiche in ogni disco alla fine influenzeranno il tipo di pianeta che si forma e determineranno se i pianeti possono ospitare o meno la vita”.

luogo
Le nuove mappe mostrano anche che le sostanze chimiche non sono distribuite uniformemente su ciascun disco protoplanetario. Invece, ogni disco è la “zuppa” di un pianeta diverso. miscela di particelle. Ciò indica che i pianeti nascono in ambienti chimici diversi. Ogni pianeta può essere esposto a particelle diverse durante la sua formazione; A seconda della sua posizione esatta nel disco. “Le nostre mappe mostrano una grande importanza nel punto in cui il pianeta si forma sul disco”, spiega Oberg. “Quindi due pianeti che si formano attorno alla stessa stella possono avere stock organici completamente diversi”. Ciò significa che la chimica in una compressa è più complessa di quanto pensassero i ricercatori. “Ogni singolo disco sembra molto diverso dall’altro”, ha detto il ricercatore dello studio Charles Lu. “I pianeti che si formano in questi dischi sperimenteranno ambienti chimici molto diversi”.

READ  Come fanno gli scoiattoli a sapere di saltare via su un ramo? I ricercatori svelano il segreto

asteroidi e comete
Grazie all’innovativo telescopio ALMA, i ricercatori sono stati in grado di ottenere informazioni sull’interno dei dischi protoplanetari e identificare singole molecole. È interessante notare che le particelle si trovano principalmente nelle regioni in cui si formano anche asteroidi e comete. Ciò significa che questi corpi celesti – proprio come è successo sulla nostra Terra – forniscono i mattoni per la vita su altri pianeti. “La scoperta principale di questo studio è che gli stessi componenti necessari per la vita sulla Terra si trovano anche intorno ad altre stelle”, ha affermato la ricercatrice Catherine Walsh. “È del tutto possibile che le molecole necessarie per avviare la vita sui pianeti siano già disponibili in tutti gli ambienti planetari”.

Una delle prossime domande a cui i ricercatori sperano di rispondere è se ci siano molecole più complesse nei dischi protoplanetari. Inoltre, hanno in programma di studiare più dischi protoplanetari in futuro. Perché un campione più ampio potrebbe rafforzare le conclusioni tratte dallo studio attuale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24