I Paesi Bassi accettano di intensificare l’integrazione europea

Lunedì, il ministro degli Esteri Wopke Hoekstra presenterà a Strasburgo la sua visione sul futuro dell’Unione europea. L’esperto europeo Diederik van Wijk prevede che il ministro discuterà dell’intensificazione dell’integrazione europea. “È un momento importante per i Paesi Bassi per fare una dichiarazione a livello europeo”.

Lunedì sarà un giorno determinante per la Conferenza sul futuro dell’Europa tenutasi lo scorso anno. A Strasburgo, molti politici come Emmanuel Macron, Ursula von der Leyen e il ministro degli Esteri Wöbke Hoekstra terranno un discorso sulla loro visione per il futuro dell’Unione europea.

Momento storico

Hoekstra ha sostenuto la scorsa settimana a Maastricht per più Europa. Oggi, secondo Van Wijk, una tale voce si farà sentire. Secondo l’esperto, questo rappresenta un cambiamento nella visione del ministro, che da anni è riluttante a intensificare l’integrazione europea. Hoekstra gira da un po’. Il ministro, invece, è stato colpito dalla crisi del Corona. D’altra parte, altri grandi politici europei oggi invocano l’integrazione. Hoekstra dovrebbe seguire questo movimento.

Leggi anche | La Commissione Europea impone nuove sanzioni

È un momento politico e storico importante in cui viene pronunciato il discorso. Stiamo affrontando una crisi politica in Europa. I tremori economici del Corona virus si fanno ancora sentire in un momento in cui l’Europa è sottoposta a un test geopolitico da una guerra alle sue frontiere esterne. Ecco perché molti leader stranieri hanno già indicato di voler approfondire il processo di integrazione.

READ  Hamas mantiene la calma a Gaza e ha un piano per uno scambio di prigionieri

il mio motociclista

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha guidato la scorsa settimana i colloqui di oggi. Il presidente del Consiglio auspica, tra l’altro, una riforma globale dell’Unione europea, l’abolizione del veto e l’accelerazione dell’adesione dei paesi balcanici e dell’Ucraina. Hoekstra rimarrà cauto sull’integrazione dell’Ucraina nell’unione. I Paesi Bassi potrebbero accettare un processo meno accelerato in cui si esaminerà se l’Ucraina può soddisfare i requisiti del sindacato.

Leggi anche | Viva la nostra libertà, viva l’Europa!

L’ambizione dell’Olanda

La visione del ministro Hoekstra sarebbe in linea con quanto già presentato nello Stato dell’Unione. Questo documento è una continuazione dell’accordo di coalizione in cui il governo aspira a svolgere un ruolo di primo piano in Europa, cooperando ampiamente con nazioni che la pensano allo stesso modo ed essendo aperto alle modifiche dei trattati sulla base dei risultati della conferenza odierna. Van Wyck: “Il rapporto della conferenza sul futuro dell’Europa contiene proposte di vasta portata su cui i Paesi Bassi saranno sicuramente d’accordo. Il governo ha già detto di voler essere ambizioso in termini di politica estera.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24