Kanelakis guida l’imponente Messa di Verdi

I fioristi di Utrecht stavano di nuovo bene e tutti i musicisti hanno ricevuto questo concerto finale da Venerdì concerto Afrotros Mazzo. Al segno di Karina Kanilakis hanno salutato vittoriosamente, una versione concettuale dopo un festone ritardato di un anno e un giro di Verdi che è stato pesantemente realizzato.

In Olanda, come altrove, non ci stanchiamo mai di ascoltare la musica “Mesa da Di” di Giuseppe Verdi. Dopo la Residentie Orkest dello scorso maggio e prima di una versione da ballerino con la Rotterdam Philharmonic nel febbraio 2023, il 17 giugno è stata la orchestra d’orchestra radiofonica spostare. Troppo di una cosa buona? Negazione ben riempita Tiefolifriedenburg disse chiaramente.

Karina Kanelakis con i membri della Radio Felhamon Orchestra, al termine della Mesa da Requim a Tivoli-Friedenburg © Foto: Juri Hinch

Con tutte e tre le donne nella capitale, fortunatamente niente di straordinario oggi. Eppure le brutali incongruenze, o forse la reputazione di Verdi come un macho groveler, danno a Requiem un’energia potentemente mascolina alle mie orecchie. ha bisogno di una mano ferma Karina Kanilakis, leader di Mosul Non per la consegna muscolare del venerdì, però. Era espressivamente impegnata con il suo intero corpo snello, mantenendo l’oscillazione del braccio più ampia come una sorta di abbracciare Groot Omroepkoor dopo il colossale Sanctus.

Solo questa parte sfugge alla morsa della morte, anche in quasi tutte le opere Verdi, il vero eroe che gli si rivelò terribilmente quando perse la moglie ei due figli poco più che ventenni. È una tale tristezza terrena che risuona nell’inferno della musica Ire muore. Non in un cliché “simile a un’opera”, ma in un carattere combattivo, il direttore Riccardo Moti ha visto una volta l’essenza italiana della liturgia. Qui le persone non solo chiedono conforto e pace, ma lo chiedono anche con un pugno a Dio.

READ  Hans Grünfeld (VEMW) parla dell'aumento dei prezzi dell'energia

Vorrei ora sottolineare che l’Orchestra Filarmonica della Radio domenica 19 giugno Si esibirà nuovamente al Beurs van Berlage, con diversi direttori e cantanti. Un ampio programma collaterale viene quindi ricordato che il Requiem fu suonato sedici volte nel 1943/’44 al “campo modello” di Theresienstadt, l’ultima volta per i nazisti anziani. Prigionieri ebrei che cantano “Libera Lee” ad alta voce ad Adolf Eichmann; Il che dimostra in modo incredibilmente potente come questo lavoro consenta alle persone di vedere la morte nei loro occhi.

Foto delle prove di Verdi di un prigioniero nel campo di concentramento di Theresienstadt il 23 giugno 1944. © Foto: Maurice Roussel. Comitato Internazionale della Croce Rossa

Ritorno a Utrecht dove Groot Omroepkoor ha raggiunto la sua grandezza a 19 annieLe munizioni del corno sono sottolineate. Da una delle otto diapositive dell’Aula Magna, i cantanti dimostrarono chiaramente la rigorosa polifonia che ispirò Verdi, a seguire brillantemente il suo sviluppo romantico. Da rauchi attacchi striduli a vertebre morbide ma sempre distinte, proprio come avrebbe voluto la mia morte. Cantando seduti dai normali posti del pubblico, diverse frasi monotone sussurrate hanno avuto un ulteriore effetto spaventoso.

In questo lavoro molto ricco si sente qualcosa di diverso ad ogni performance. Questa volta sono stato colpito dai clarinetti nervosi in una tipica orchestra, per esempio confutatoo doppio pizzicatos hard bass in Lux Eterna† Le grandi combo che Canellakis esegue spesso con straordinaria precisione dalla forza dell’uragano al silenzio assoluto sono più che notevoli per le osservazioni dettagliate. Nel Rex Tremendi Come un dialogo tra forza e supplica, il nucleo emotivo per me, i quattro assoli sono rimasti in piedi.

Il coro qui interpreta il giudizio di Cristo stesso, come il miso in testo libero Incarna la divinazione che abbiamo appena menzionato. Tali incarnazioni attirano l’opera più verso l’opera che verso lo stile musicale, che è semplicemente “des Verdi’s”. russi Yulia Matočkina Suonava tanto maestoso quanto misterioso, sebbene il suo canto fosse alquanto convincente. La tipica campana slava un po’ grintosa a volte ha trattenuto i miei sentimenti, ma il carattere androgino si adatta perfettamente al semigregoriano agno cazzo

READ  Lindsay Nuiten del Glassy Café di Laue ora gestisce anche l'Heat Appplus Café
Il maestro Karina Karina Kanelakis, subito dietro a lei Ricardo Fassi e membri dell’Orchestra Filarmonica della Radio, alla Messa Verdiana al concerto AVRPO TROS venerdì sera a Tivoli-Friedenburg © Foto: Juri Hinch

Anche se il basso Ricardo Vasic Impressionato sia dal suono che dal carisma, nel mio orecchio non è stato (ancora) adatto a questa festa. desolato versare stupebitdove la morte stessa si fermò, lo dipinse vigorosamente, ma a parte alcuni momenti traballanti, mancava talvolta anche la tenerezza che richiedeva Verdi.

Il maestro Karina Kanelakis e il tenore Songjo Mario Bahg con i membri dell’Orchestra Filarmonica della Radio alla Messa Verdiana di Tivoli-Friedenburg © Juri Hinch

Il coreano Seungju Mario Bahg eccelle nel colorare le parole. Non ho sentito spesso così tanti mantra puramente lirici di dimensioni sufficienti. Con solo un piccolo sussulto, la sua spinta chiara guidava un bel po’, a volte contro un colpo alla testa, non certo una parola da eroina ma magnificamente qui.

La serba Sonia Daric ha recentemente partecipato a concorsi ma ha già molta esperienza in teatro. Soprano è elegante e tecnicamente potente, ma senza l’etereo grattacielo o il record di petto che possono terrorizzare le chiusure Bilancia Lee. Ho compensato l’impreciso ingresso del corridoio a cappella in quella parte con una bella nota di chiusura presa dall’aria.

Sonia Charic-soprano, sinistra e Yulia Matochkina mezzo-soprano con i membri dell’Orchestra Filarmonica della Radio al Requiem di Verdi a Tivoli-Friedenburg © Juri Hinch

Dopo le montagne russe emotive della Grande Fuga, la mia attenzione si rivolge anche a Groot Omroepkoor con vaghe frasi di chiusura, che si potrebbero vedere come un segno di sollievo o esaurimento.

Coro Radio Holland alla Messa Verdiana di Tivoli-Friedenburg © Foto: Juri Hinch

Il loro tipico modesto britannico Lo chef Benjamin Goodson È stato giustamente disegnato dai solisti insieme a Kanilakis. La forza della comunità sta al centro di questo lavoro, che non si è mai dimostrato migliore di quelle esibizioni di rombo al pianoforte degli anni più bui della guerra.

Continua a leggere, ascoltare e guardare

La presunta Mesa da Requiem di Verdi sarà, come ha già scritto Martin Tweet, il 19 giugno al Beurs van Berlage. Messa di Theresienstadt Consiste in un’attuazione integrale di Verdi messa, combinato con romanzi, fotografie di film storici e video di interviste ai sopravvissuti di Theresienstadt. Maggiori informazioni qui sul sito web di voci di resistenza.

READ  Ultimo giorno di contrattazione in borsa per la capogruppo acquirente Pearle

Il Royal Tuschinski Theatre di Amsterdam proietterà il film la sera di lunedì 20 giugno nella sala principale massa ribelle (2012). Questo film parla della creazione del Theresienstadt Requiem e fornisce un quadro approfondito degli eventi che circondano lo spettacolo nel giugno 1944, basato sulle immagini storiche del film e sui ricordi dei sopravvissuti.
Inizio film: 19:30 (porte aperte dalle 19:00).

Ecco un trailer per l’impressionante film sul Requiem di Theresienstadt.

Nel 2018, Franz Stratmann ha descritto la performance Requiem di Sir John Elliot Gardiner.

L’esibizione della Messa di Giuseppe Verdi il 17 giugno può essere ascoltata qui sul sito web del concerto di AVRO TROS venerdì.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24