L’Italia punta sui motori a combustione

L’Italia è il secondo Paese europeo a non accettare la proposta politica di spegnimento delle auto dotate di motore a combustione entro il 2035.

All’ultima COP26, i partecipanti hanno deciso di non vietare la vendita di auto a combustibili fossili entro il 2030 o 2035, ma dal 2040. Principalmente sotto l’influenza della o delle lobby automobilistiche tedesche, la data di scadenza è stata posticipata di anni perché la Germania ha sperimentato di conseguenza, un calo dell’occupazione nell’industria automobilistica.

La stessa storia si può ascoltare nella Repubblica Ceca e più recentemente anche in Italia. Dopotutto, entrambi i paesi hanno importanti industrie automobilistiche (si pensi: Skoda nella Repubblica Ceca e Fiat sul suolo italiano). I Paesi e, quindi, i produttori non sono fondamentalmente contrari alla mobilità elettrica, ma la velocità con cui oggi vogliono attuare la transizione non è in linea con il ritmo degli investimenti e dei consumi all’interno del loro settore, causato anche da problematiche come il Covid. Ne soffre la concomitante carenza di semiconduttori.

grido di allarme

Il ministro dell’Economia italiano Giancarlo Giorgetti suggerisce che il ritmo delle auto ICE (motore a combustione interna, ndr) debba essere gradualmente eliminato. Mette anche in dubbio i benefici ambientali della mobilità puramente elettrica, se non il 100% di elettricità può essere generata in modo sostenibile.

Il ministro italiano risponde alle grida d’allarme che Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellantis (il gruppo che comprende Fiat e Psa), ha inviato nel mondo. L’elettrificazione forzata, sostiene Tavares, significa che il costo aggiuntivo (50% per un veicolo elettrico) non è più sostenibile per le case automobilistiche.

Ciò, afferma, ridurrà la qualità dei veicoli e l’occupazione nel settore, poiché i marchi automobilistici non possono recuperare completamente questi costi più elevati dal consumatore aumentando i prezzi delle auto.

READ  Il fiore della tromba italiana è molto simile al fiore olandese

All’ultima COP26, i partecipanti hanno deciso di non vietare la vendita di auto a combustibili fossili entro il 2030 o 2035, ma dal 2040. Principalmente sotto l’influenza della o delle lobby automobilistiche tedesche, la data di scadenza è stata posticipata di anni perché la Germania ha sperimentato di conseguenza, un calo dell’occupazione nell’industria automobilistica. La stessa storia si può ascoltare nella Repubblica Ceca e più recentemente anche in Italia. Dopotutto, entrambi i paesi hanno importanti industrie automobilistiche (si pensi: Skoda nella Repubblica Ceca e Fiat sul suolo italiano). I Paesi e, quindi, i produttori non sono fondamentalmente contrari alla mobilità elettrica, ma la velocità con cui oggi vogliono attuare la transizione non è in linea con il ritmo degli investimenti e dei consumi all’interno del loro settore, causato anche da problematiche come il Covid. Ne soffre la concomitante carenza di semiconduttori. Il ministro dell’Economia italiano Giancarlo Giorgetti suggerisce che il ritmo delle auto ICE (motore a combustione interna, ndr) debba essere gradualmente eliminato. Mette anche in dubbio i vantaggi ambientali della mobilità puramente elettrica, se il 100% di elettricità non può essere generato in modo sostenibile. seduto) e inviato al mondo. L’elettrificazione forzata, sostiene Tavares, significa che il costo aggiuntivo (50% per un veicolo elettrico) non è più sostenibile per le case automobilistiche. Ciò, afferma, ridurrà la qualità dei veicoli e l’occupazione nel settore, poiché i marchi automobilistici non possono recuperare completamente questi costi più elevati dal consumatore aumentando i prezzi delle auto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24