L’obiettivo europeo di inflazione è stato raggiunto, ma i prezzi continueranno a salire?

Nell’area dell’euro, tutto è diventato in media il 2 per cento più costoso il mese scorso, secondo gli ultimi dati provvisori diffusi dall’agenzia di statistica europea Eurostat. In questo modo, la Banca centrale europea ha raggiunto il suo obiettivo più importante: garantire che il valore dell’euro scenda in media di circa il 2% ogni anno.

In effetti, con un tasso di inflazione previsto del 2% a maggio, la banca è leggermente obsoleta. Non è una cosa negativa al momento, poiché dopo più di due anni di inflazione estremamente bassa, pochi economisti si sono svegliati temporaneamente troppo spesso. Tuttavia, porta a una discussione: si attacca un po ‘ed è temporaneo?

Bilancio delicato

L’idea è ben nota: l’euro che si deprezza leggermente costantemente è vantaggioso per l’economia europea. Ad esempio, garantisce che le persone spendano i loro soldi e non li immagazzinino, cosa che accadrebbe se diventasse più prezioso da solo. Inoltre, il debito si sta riducendo.

Raggiungere la stabilità dei prezzi non è facile. L’importo in euro che puoi acquistare è la somma, ad esempio, della domanda e dell’offerta di prodotti e servizi e del numero di euro in circolazione. Questo equilibrio è stato scosso violentemente ultimamente.

Ad esempio, la pandemia ha portato alla chiusura di fabbriche e all’arresto delle catene di approvvigionamento. Le banche centrali hanno portato denaro aggiuntivo nell’economia, che i governi possono, allo stesso tempo, mantenere a galla le aziende e garantire alle persone il proprio lavoro e il proprio reddito.

Di conseguenza, la domanda di prodotti e servizi è stata in grado di riprendersi più rapidamente del previsto, mentre le fabbriche ei fornitori di servizi non sono stati in grado di tenere il passo immediatamente. Inoltre, i prezzi dell’energia si sono ripresi dalla crisi petrolifera dello scorso anno. L’energia è una componente di costo importante e quindi ha molto peso nel calcolare quanto si può acquistare a 1 euro.

READ  Non solo stelle e diavoli rossi volano segretamente

Numeri progressivi

In generale, c’è molto denaro in circolazione, mentre c’è una carenza, che porta a prezzi più alti e quindi all’inflazione. Ciò si riflette negli ultimi numeri.

Negli Stati Uniti, i prezzi sono aumentati del 4,2% in aprile rispetto all’anno precedente. L’inflazione in Spagna e Germania è stata del 2,4 per cento a maggio. È rimasto nei Paesi Bassi all’1,9% negli ultimi due mesi.

Temporaneo o no

Il balzo dall’1,6 per cento dell’inflazione ad aprile al 2 per cento di maggio nell’area dell’euro è stato in gran parte dovuto all’aumento dei prezzi dell’energia. Bert Cullen, economista della zona euro presso ING, prevede che questo effetto diminuirà nei prossimi mesi. Ma questo non significa che l’inflazione elevata sia terminata “.

Indica i prezzi delle materie prime scarse che rimarranno scarse per qualche tempo poiché la produzione e l’offerta continueranno a rallentare. La carenza di patatine, ad esempio, continua a limitare il flusso di automobili, telefoni e lavastoviglie, ad esempio.

Attualmente, dice Colin, i venditori aumentano a malapena i loro prezzi. Ma poiché sta anche affrontando costi crescenti e una domanda elevata, si aspetta che ciò accada. Il primo aumento dei prezzi a maggio segnerà probabilmente l’inizio di un viaggio più lungo che potrebbe richiedere mesi a venire.

Matthews Urban, un economista di Oxford Economics, afferma che la scarsità porterà a prezzi più alti nel prossimo futuro. Perché anche se la produzione esplode negli stabilimenti italiani e spagnoli, vacilla ancora nella più grande economia europea: la Germania, per esempio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24