Quanto siamo sicuri che gli esseri umani stiano causando il cambiamento climatico?

È ancora comune vedere politici, commentatori dei media o utenti dei social media sollevare dubbi sul ruolo delle persone nel causare il cambiamento climatico. Quanto siamo sicuri che gli esseri umani stiano causando il cambiamento climatico?

Perché questo è importante?

Cosa è successo al 3% dei ricercatori che otto anni fa hanno rifiutato il consenso sul cambiamento climatico causato dall’uomo? È solo a causa del peso crescente delle prove pubblicate negli ultimi anni? Inoltre, come misuriamo effettivamente questo numero che mostra quanti studiosi aderiscono al consenso?

Oltre il 99% degli scienziati del clima supporta le prove nel 2021 al cambiamento climatico indotto dall’uomo. Questo è superiore al 97 percento riportato Impressionante studio 2013, che è diventata una statistica ampiamente citata sia dai negazionisti del cambiamento climatico sia da coloro che accettano l’evidenza.

Per essere chiari, i due studi possono essere confrontati direttamente. Il nuovo studio ha riesaminato la letteratura pubblicata dal 2012 e si basa sugli stessi metodi dello studio del 2013, sebbene con alcuni importanti miglioramenti. I due studi hanno effettuato ricerche nel database Web of Science, un archivio globale indipendente di pubblicazioni scientifiche, utilizzando le parole chiave “cambiamento climatico globale” e “riscaldamento globale”.

Uno studio del 2013 ha esaminato 11.944 articoli sulla ricerca sul clima e ha scoperto che quasi un terzo di essi ha espresso la propria posizione sulla causa del riscaldamento globale. Di questi 4.014 articoli, il 97 percento ha approvato la posizione consensuale secondo cui gli esseri umani sono la causa, l’1 percento non è sicuro e il 2 percento è espressamente in disaccordo.

READ  Reparto Corona per anziani con demenza a Venlo | 1 Limburgo

Fisica parziale e fondamentale ignorata

In una recensione del 2015 Ha esaminato quei documenti scettici sul clima pubblicati nell’ultimo decennio e ha identificato una serie di difetti metodologici e fonti di parzialità. Un revisore ha osservato che “ciascuna di queste analisi conteneva un errore – nelle ipotesi, nella metodologia o nell’analisi – che, una volta corretta, ha portato i risultati in linea con il consenso scientifico”.

Ad esempio, molti di questi 38 documenti di ricerca hanno selezionato in modo selettivo i risultati che supportano la loro conclusione, ignorando il contesto principale e altre fonti di dati che sono in conflitto con esso. Alcuni studi hanno semplicemente ignorato la fisica di base.

Rapporto pubblicato di recente Dal Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) afferma: “È inequivocabile che l’influenza umana ha riscaldato l’atmosfera, gli oceani e la terra”, e avverte che gli obiettivi dell’accordo di Parigi 1,5 e 2°C al di sopra dei livelli preindustriali saranno superati questo secolo senza drastici tagli alle emissioni.

Il ruolo dei vulcani

Per giungere a questa conclusione, è importante distinguere tra i cambiamenti causati dalle attività umane che alterano la chimica atmosferica e la variabilità climatica causata da fattori naturali. Queste variazioni naturali includono sottili cambiamenti nella produzione di energia del Sole a causa di macchie solari e brillamenti, rare eruzioni vulcaniche e gli effetti dei modelli meteorologici di El Niño nell’Oceano Pacifico.

Indipendentemente da queste variazioni naturali, la temperatura della superficie terrestre è stata generalmente stabile da circa 2.000 a 1.000 anni. Successivamente, il pianeta si è raffreddato di circa 0,3°C per diversi secoli, fino all’avvento dell’industrializzazione basata sui combustibili fossili nel 19° secolo.

READ  "Ogni piccolo aiuto, aiuta davvero!" - Lo standard quotidiano

studio Ha identificato 12 grandi eruzioni vulcaniche dall’anno 100 al 1200, rispetto alle 17 dal 1200 al 1900. Pertanto, l’aumento dell’attività vulcanica nel corso di circa 800 anni è stato associato a un generale raffreddamento globale prima della rivoluzione industriale.

Inoltre più prove che mai

L’attuale tasso di riscaldamento globale è senza precedenti da oltre 2000 anni e le temperature stanno ora superando il periodo più caldo (diversi secoli) in più di 100.000 anni. La temperatura superficiale media globale per il decennio 2011-20 è stata di circa 1,1°C superiore a quella del 1850-1900. Ciascuno degli ultimi quattro decenni è stato molto più caldo di tutti i decenni precedenti dal 1850, quando sono iniziate le osservazioni meteorologiche affidabili.

I ricercatori possono già separare i fattori umani da quelli naturali. Ciò include un processo chiamato “ritardo”., che prevede di riportare il modello climatico indietro nel tempo per simulare fattori umani e naturali, e quindi confrontarlo con i dati osservati per vedere quale insieme di fattori imita più da vicino il mondo reale.

Se i fattori umani fossero rimossi dal set di dati e fossero inclusi solo i fattori vulcanici e solari, le temperature medie globali della superficie dal 1950 dovrebbero essere simili a quelle degli ultimi 100 anni. Ma ovviamente non lo sono. Quindi le prove e il consenso scientifico su di esso sono più chiari che mai.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24