Heroes of Tomorrow: Hayat Bin Tohamy combatte la scienza sporca

Chi sono i ventenni e trentenni promettenti che oggi sono sull’orlo di una svolta importante? Chi può davvero essere il migliore nel suo campo in 5 anni? E cosa lo rende eccezionale? Quest’estate, Doorbraak cercherà i campioni di domani ogni sabato. Approccio critico all’epidemiologia mondiale e messa in discussione dei dogmi esistenti in epidemiologia per consentire ai ricercatori di riflettere maggiormente sulle basi fondamentali della loro ricerca. Ecco come vedrai il lavoro della vita…

Chi sono i ventenni e trentenni promettenti che oggi sono sull’orlo di una svolta importante? Chi può davvero essere il migliore nel suo campo in 5 anni? E cosa lo rende eccezionale? Quest’estate, Doorbraak cercherà i campioni di domani ogni sabato.

Approccio critico all’epidemiologia mondiale e messa in discussione dei dogmi esistenti in epidemiologia per consentire ai ricercatori di riflettere maggiormente sulle basi fondamentali della loro ricerca. Ecco come puoi descrivere il lavoro di Hayat bin Tohamy. Ben Tohamy, 32 anni, è uno scienziato biomedico ed epidemiologo dell’Università di Anversa. Conduce ricerche su molti degli errori metodologici commessi nella ricerca epidemiologica. Secondo lei, ciò è dovuto alle pressioni della pubblicazione e del tempo, e a una vibrazione filosofica fondamentale. Le persone spesso non pensano abbastanza a ciò che stanno cercando. Dice: è così che si ottiene una bandiera sporca.

Ben Tohami è cresciuto nel quartiere di edilizia popolare di Anversa Lochtepal. Fin da piccola ha il naso nei libri di testo. All’inizio pensava che sarebbe diventata un medico, perché la salute si è sempre presa cura di lei. Tuttavia, quando ha fallito l’esame di ammissione per studiare medicina con pochi punti nel dipartimento di psicologia, si è resa conto che in realtà voleva fare le cose in modo diverso.

Corso Curvy

Ben Tohamy: Sono sempre stato interessato alla salute generale delle persone. Mi interessa la salute pubblica più che curare le persone. Il percorso verso questa comprensione è stato tortuoso. Poiché la salute è importante per me, ma non volevo diventare un medico, ho iniziato a studiare scienze biomediche. Ma come scienziato biomedico, non sei ben addestrato per condurre ricerche sulla salute pubblica. Puoi sempre trovare un lavoro nell’industria farmaceutica, ma non volevo essere coinvolto in questo. Guadagni bene lì, ma la ricerca lì è limitata a portare i prodotti sul mercato. Diventa rapidamente una macchina con cui devi lavorare.

“Dopo aver conseguito il master in scienze biomediche, non ero ancora soddisfatto di fare ricerca, quindi ho aggiunto un altro master in epidemiologia”, afferma Ben Tohamy.

L’epidemiologia è una giovane specialità nelle Fiandre. Chiunque qui può definirsi un epidemiologo con un corso di base. Le cose sono cambiate alcuni anni fa, quando l’Università di Anversa ha iniziato a offrire un master in epidemiologia. Questo è il merito di alcuni epidemiologi fiamminghi della Vecchia Guardia, che a quel tempo dovevano studiare all’estero per diventare epidemiologi. A un certo punto la gente ha pensato che bastasse che la stessa Flanders non avesse un’istruzione.

READ  I numeri delle vaccinazioni e degli ospedali dovrebbero rendere possibile questo piano estivo Il coronavirus si sta diffondendo

Publicatiedruk

Il numero crescente di studi epidemiologici – nelle Fiandre, ma anche in tutto il mondo – fa sì che questa disciplina sia anche gravata dalle norme del nostro tempo: pressione del tempo, pressione delle pubblicazioni e difficoltà di finanziamento. Spesso non c’è più tempo per pensare a ciò che deve essere ricercato. Facendo ricerche specifiche su questo e offrendo agli epidemiologi come migliorare le cose, Ben El-Tohamy vuole far progredire l’epidemiologia e renderla più filosofica.

Gli epidemiologi vogliono sapere se ci sono collegamenti causali tra l’esposizione a qualcosa – fattori ambientali o tossine, per esempio – e alcune condizioni o sintomi che possono verificarsi o meno in una popolazione. Tuttavia, ciò che mostra la mia ricerca di dottorato è che l’epidemiologia è caduta nella superficialità. Dovremmo pensare molto a quello che vogliamo sapereE su cosa vogliamo indagare.

In un mondo ideale, ogni domanda di ricerca e progetto di ricerca in sé e per sé dovrebbe essere pensato abbastanza per avviare la ricerca nel modo giusto. Tuttavia, questo accade abbastanza. La ragione principale di ciò è la pressione editoriale. Il mondo universitario è molto competitivo.

bandiera sporca

A causa della combinazione della pressione della pubblicazione e dell’incertezza finanziaria che circonda la ricerca, otterrai errori di ragionamento fin dall’inizio che definiranno il resto della tua ricerca. Spesso vale quanto segue: più posti una persona ha già, maggiore è la possibilità di finanziamento. Ma questo, ovviamente, significa che c’è una tendenza a sacrificare la qualità. Quindi ottieni il fenomeno più comune della “scienza sporca”. Nella sua forma più estrema, quando non è possibile dimostrare una relazione causale, la pubblicazione non viene effettuata perché le persone sono deluse dalla mancanza di connessione. Questo, ovviamente, è dannoso per il processo scientifico.

Questo modus operandi dannoso è in discussione internamente. Gli epidemiologi hanno creduto a lungo che l’intero campo necessitasse di riforme. Non sono necessariamente cupo, perché l’epidemiologia è ancora in pieno sviluppo. Fa tutto parte di esso. Ma spesso dovremmo concentrarci sulle basi della nostra professione.

Nota

Concretamente, la pressione del tempo porta a conseguenze negative. Il mio dottorato inizia con l’idea che la ricerca epidemiologica osservazionale inizia con l’osservazione di un particolare fenomeno e da lì scompone ciò che ha preceduto quel fenomeno. Tuttavia, c’è un altro ramo abbastanza ovvio della professione, che inizia, ad esempio, confrontando un gruppo esposto e non esposto a X, e poi esamina la frequenza con cui la malattia Y si verifica in persone esposte e non esposte. persone. Questo metodo d’azione – chiamato studio di coorte – è il gold standard nell’epidemiologia osservativa per stabilire relazioni causali.

Ad esempio, ho fatto ricerche sull’effetto degli antibiotici sulla prevenzione dell’asma nei bambini. Abbiamo iniziato a cercare bambini con asma, e da lì abbiamo cercato di scoprire se avevano ricevuto antibiotici nel loro primo anno di vita. Idealmente, dovrebbe essere condotto uno studio di coorte su questo – un gruppo di individui seguito per un periodo di diversi mesi o addirittura anni. Tuttavia, questo richiede molto tempo e la maggior parte dei ricercatori di solito non ha molto tempo. L’alternativa è uno studio caso-controllo. Questo è visto con disprezzo perché si dice che sia di qualità inferiore. Questo è il dogma prevalente nella ricerca epidemiologica osservazionale e stiamo cercando di allontanarci da questo nella mia tesi di dottorato.

READ  Non aver paura di mostrare la tua paura: "Fingevo di essere una storia di successo"

Ikerin

La statura di Ben Tohamy è il risultato della sua indipendenza in giovane età. Si descrive come “il tipo di nerd” che ha sempre studiato duramente.

Sono cresciuto nel quartiere di edilizia popolare di Anversa Luchtbal. Io stesso non ho mai sentito l’ostacolo. Non ho mai sentito che la mia città natale mi impedisse di esibirmi nella vita. Più tardi, ho capito che potevo essere un’eccezione. O meglio: che altri possano avere difficoltà in quel quartiere. Non sono entrato in contatto con i figli di genitori benestanti fino al college, e ho iniziato a capire che l’air ball è una cosa molto specifica. Spero solo che altri giovani in quartieri come Lochtepal possano seguire lo stesso percorso.

Quello che ho capito presto, di cui sono molto grato, è che il sostegno a scuola in tenera età fa un’enorme differenza. In prima media, il mio insegnante mi ha indirizzato all’Athena di Ikeren, dove dovevo completare la scuola secondaria, con le parole “Ci manderò le mie figlie”. Sapeva che il liceo che avevo originariamente scelto non mi avrebbe adeguatamente preparato per gli studi scientifici. Più tardi, quando sono andato alla mia riunione di classe della scuola elementare, quell’insegnante era così orgoglioso di me quando ha saputo del mio percorso che ha iniziato a esercitarsi con tutti i suoi compagni di classe.

Nell’istruzione secondaria, mi è sempre stato detto che ci sarei arrivato se avessi fatto del mio meglio. Io stesso non ho mai incontrato muri. Era anche importante che i miei genitori mi lasciassero fare quello che volevo. Ciò è ovviamente dovuto anche alla loro ignoranza del sistema scolastico. I miei genitori sono semplici lavoratori che confidano che se facciamo del nostro meglio, le cose funzioneranno. Confidavano nel fatto che la scuola volesse il meglio per noi.

Islam

Ibn Al-Tohamy è musulmano. Da lontano, sembra che abbia ereditato la sua fede dai suoi genitori. Lei spiega che questo è più complesso. La mia educazione non è stata del tutto islamica: i miei genitori mi hanno dato le basi, ma ho dovuto trovare da sola il resto. Tuttavia, la mia più grande motivazione per approfondire la fede è la mia formazione scientifica. Il campo della genetica, più specificamente, la perfezione della genomica. Questa bellezza mi ha fatto dubitare che ci fosse un piano dietro, dopotutto. Per me, la biologia mostra la bellezza della creazione in modo fondamentale. Quindi non vedo alcuna contraddizione tra la scienza e l’Islam. Posso credere completamente in Dio e vedere la bellezza della scienza. Ciò che è nel Corano è il punto di partenza, e naturalmente non contiene tutta la conoscenza. Mi motiva ad andare avanti.

READ  Avi Loeb su UAP e un possibile collegamento con Oumuamua

Il mio Islam non contraddirà mai le scoperte scientifiche. È una guida morale che non include tutta la conoscenza. Ho l’impressione che l’etica religiosa sia più rigorosa e basilare di quanto possa fare l’etica della scienza. Non voglio dire che hai bisogno di fede per avere standard e valori solidi. In effetti, la fede è la motivazione personale per me per essere il Critico ك. Questo è anche legato alla mia ricerca.

Corona

In questo modo, Ben Tohamy guarda anche alla crisi di Corona, che ovviamente ha reso molto chiara la sua professione, sì, ha persino iniziato a plasmare la società. Ha lavorato per informare le persone di origine straniera sull’attuale campagna di vaccinazione. Ma essere sotto i riflettori non fa per lei. Non voglio diventare un personaggio dei media che sa “questo” e spiega qualcosa ogni giorno. Mi interessa la salute pubblica, questa è la mia motivazione, ma penso che dobbiamo lavorare in modo più lungo e sostanziale dopo questa crisi. Chi è stato ferito e perché? chi è morto?

Poiché si tratta di un’epidemia globale, non dovremmo concentrarci solo sulle Fiandre o sull’Occidente. In Marocco, noto che il governo può spiegare i benefici della vaccinazione maggiormente a livello della gente comune. Questi paesi hanno buone tradizioni di comunicazioni di base sulla salute pubblica. Anche il più piccolo villaggio di campagna i funzionari vanno a spiegare la vaccinazione per gli agricoltori analfabeti. Al contrario, tutti dovrebbero essere altamente istruiti e seguire da vicino i media. E chi ha domande, è subito sospettoso. Questa non è comunicazione.

Penso che anche accettare la morte in Europa sia difficile. Fino a che punto dovremmo permettere che domini le nostre vite evitando la morte? I principi etici sono molto discussi nei corsi di medicina e sanità nelle Fiandre. Ma una volta che ti trovi in ​​una situazione moralmente complessa, diventa improvvisamente difficile pensare in modo più ampio alla moralità e dare un posto alla morte. Scegliamo il benessere emotivo a rischio o evitiamo la morte a tutti i costi? Dobbiamo fare questa domanda. Ma il dibattito etico si sta lentamente sviluppando. Basta guardare il dibattito sull’eutanasia. Anche questo è ancora difficile al momento.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24